Ricerca avanzata

Home > Riviste > Italian Journal of Maxillofacial Surgery > Fascicoli precedenti > Italian Journal of Maxillofacial Surgery 2006 Aprile-Dicembre;17(1-3) > Italian Journal of Maxillofacial Surgery 2006 Aprile-Dicembre;17(1-3):1-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOITALIAN JOURNAL OF MAXILLOFACIAL SURGERY

Rivista di Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Maxillofacial Surgery

 

Italian Journal of Maxillofacial Surgery 2006 Aprile-Dicembre;17(1-3):1-6

 ARTICOLI ORIGINALI

Traumatismi maxillo-facciali: cause e conseguenze psicologiche. Profilo psicoemotivo post-traumatico

Acocella A. 1, Rispoli A. 2, Agostini T. 3, Sacco R. 1, Bertolai R. 1

1 Division of Maxillofacial Surgery Faculty of Medicine University of Florence Florence, Italy
2 Clinical Psychology and Psychotherapy Unit Departments of Neurology and Psychiatry Clinical Medical School University of Florence, Florence, Italy
3 Department of Plastic, Reconstructive and Aesthetic Surgery Faculty of Medicine University of Florence, Florence, Italy

Obiettivo. I traumatismi facciali, spesso accompagnati da disagi psicologici, sono altamente riscontrabili nell’incidentistica stradale e nelle colluttazioni. Tra gli individui che hanno conseguito un trauma è stato riscontrato che le ferite nel distretto facciale possono essere predittori di conseguenze psicologiche quali sintomi depressivi, ansia, abuso e dipendenza da sostanze, disturbi post-traumatici e disabilità fisiche. Lo scopo di questo studio è di analizzare e valutare la prevalenza di disagio psicologico in pazienti affetti da traumatismi facciali.
Metodi. Con lo scopo di valutare l’assessment psico emozionale pre e post intervento chirurgico, è stato condotto un follow up di 6 mesi, dividendo i pazienti in due gruppi (incidenti e vittime di colluttazione). Sono stati somministrati i seguenti questionari: State-Trait Anxiety Inventory, Self-Rating Depression Scale and Illness Behavior Questionnaire.
Risultati. Nella maggior parte del campione sono riscontrabili livelli di depressione, ansia e percezione negativa di disagio. Dopo 6 mesi si notano miglioramenti in tutti i domini, ma il livello di depressione non è significativamente diminuito nel gruppo delle vittime di violenza personale, che presenta comunque valori più alti in tutti i test.
Conclusioni. Il lavoro conferma la presenza di disordini psicologici nei pazienti con traumatismi facciali. Conseguenze psicologiche possono permanere anche per molti anni, se non presi in adeguata considerazione, nonostante la riuscita tecnica del trattamento medico-chirurgico. In conclusione sarebbe necessaria l’attivazione di sostegno psicologico per questa tipologia di pazienti nel periodo post-trauma.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina