Home > Riviste > Italian Journal of Maxillofacial Surgery > Fascicoli precedenti > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2005 January-December;16(1-3) > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2005 January-December;16(1-3):81-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF MAXILLOFACIAL SURGERY

Rivista di Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Maxillofacial Surgery


eTOC

 

CASI CLINICI  


Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2005 January-December;16(1-3):81-3

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ipoplasia mascellare trasversa: SARPE con vite Hyrax unita a quattro impianti. Caso clinico

Berengo A. 1, Santacatterina A. 2, Peretta R. 2, Fusetti S. 3, Ferronato G. 3

1 Dipartimento di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale Ospedale S. M. della Misericordia, Rovigo 2 Libero professionista, Padova 3 UOC di Chirurgia Maxillo-Facciale Azienda Ospedaliera di Padova, Padova


PDF  


L’atrofia mascellare trasversa in pazienti adulti con denti è solitamente trattata con la tecnica dell’espansione chirurgica assistita rapida del palato (SARPE). Nei pazienti edentuli, la tecnica bone-borne originariamente descritta da Mommaerts può essere utilizzata in alternativa agli innesti di apposizione di osso. Descriviamo un metodo alternativo per aumentare il diametro trasverso dell’osso mascellare in un paziente edentulo usando la tecnica SARPE e una vite Hyrax connessa agli impianti denrtari. Quattro impianti erano stati inseriti nella mascella, due per parte, e dopo 7 mesi un’espansione chirurgica assistita rapida del palato era stata effettuata usando un dispositivo Hyrax. Quando era stata raggiunta una dimensione mascellare trasversa soddisfacente, altri 4 impianti erano stati posizionati ed era ottenuta una riabilitazione con impianto ad arco completo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail