Ricerca avanzata

Home > Riviste > Italian Journal of Maxillofacial Surgery > Fascicoli precedenti > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2005 Gennaio-Dicembre;16(1-3) > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2005 Gennaio-Dicembre;16(1-3):43-50

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOITALIAN JOURNAL OF MAXILLOFACIAL SURGERY

Rivista di Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Maxillofacial Surgery

 

Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2005 Gennaio-Dicembre;16(1-3):43-50

 ARTICOLI ORIGINALI

Ricostruzione microchirurgica della loggia tonsillare e del palato molle

Biglioli F. 1, Frigerio A. 1, Rezzonico A. 2, Autelitano L. 1, Rabbiosi D. 1, Carota F. 1, Brusati R. 1

1 Chair and Division of Maxillofacial Surgery San Paolo Hospital, Milan University, Milan, Italy
2 Region Centre of Cleft Lip and Palate San Paolo University Hospital, Milan, Italy

Obiettivo. La demolizione della loggia tonsillare e del palato molle comporta reliquati funzionali se non è seguita da una precisa fase ricostruttiva. Questa deve mirare al ripristino del cingolo mucolare faringopalatino, la copertura delle superfici cruente, il ripristino della continuità dei nervi linguale ed alveolare inferiore qualora sezionati. Per raggiungere questi obiettivi è necessario progettare in modo scrupoloso la ricostruzione della regione orofaringea ed utilizzare innesti nervosi di interposizione. Viene proposto uno schema ricostruttivo basato sull’utilizzo di un lembo microvascolare fasciocutaneo di avambraccio che, adattato al singolo paziente, facilita il compito ricostruttivo di questa sede anatomica a complesso sviluppo tridimensionale.
Metodi. Dodici pazienti sono stati operati presso la Cattedra e Divisione di Chirurgia Maxillo-Facciale dell’Ospedale S. Paolo di Milano secondo lo schema ricostruttivo proposto. In 8 casi è stato ricostruito il nervo linguale con un innesto di nervo antibrachiale laterale e in 2 casi è stato ricostruito il nervo alveolare inferiore con un innesto di nervo grande auricolare.
Risultati. Tutti i lembi sono sopravvissuti integralmente. La funzionalità velofaringea è risultata ottimale in 10 casi, subottimale nei 3 casi con demolizione estesa alle strutture circostanti la regione tonsillare e del palato molle. La ripresa funzionale dei nervi linguale e grande auricolare ricostruiti è stata documentata in tutti i pazienti anche se in modo parziale.
Conclusioni. La precisa progettazione tridimensionale della ricostruzione della fossa tonsillare e del palato molle, unitamente alla ricostruzione dei dei nervi linguale ed alveolare inferiore permette di ottenere il ripristino della funzione velofaringea e della terza branca del trigemino avvicinandosi alla restituito ad integrum della regione operata.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina