Home > Riviste > Italian Journal of Maxillofacial Surgery > Fascicoli precedenti > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2003 December;14(3) > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2003 December;14(3):141-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF MAXILLOFACIAL SURGERY

Rivista di Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Maxillofacial Surgery


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2003 December;14(3):141-52

lingua: Inglese

Valutazioni diagnostiche e trattamento ortodontico prechirurgico: presentazione di un caso clinico

Silvestri A., Vernucci R. A., Paparo F.

Units of Orthodontics University La Sapienza of Rome, Rome, Italy


PDF  


Il trattamento di una malformazione scheletrica dento-maxillo-facciale richiede il ricorso a terapie combinate ortodontico-chirurgiche per la risoluzione della malformazione scheletrica e della malocclusione dentale associata. Il paziente va sottoposto ad un’accurata valutazione clinico-strumentale per inquadrare quanto più correttamente la patologia nei 3 piani dello spazio e poter giungere ad una corretta diagnosi e ad un appropriato piano di trattamento, con il relativo indice prognostico.
La procedura clinica abituale si compone di: anamnesi; esame obiettivo, extraorale, intraorale e funzionale; una serie di esami strumentali: fotografico, radiografico, cefalometrico, esami funzionali. Sui modelli in gesso sarà effettuato lo studio dell’occlusione e la programmazione ortodontica prechirurgica. Mediante il trattamento ortodontico si elimineranno tutte le componenti dentali della malformazione, effettuando quella ricostruzione dell’occlusione del paziente necessaria a garantire la stabilità del risultato al termine del trattamento.
Viene riportato un caso clinico: il paziente presentava una III classe scheletrica, asimmetria facciale con latero-deviazione mandibolare sinistra, alterata morfologia del condilo sinistro ed ipomobilità delle articolazioni temporo-mandibolari. In conclusione il corretto inquadramento diagnostico e la stretta correlazione tra trattamento ortodontico e chirurgico costituiscono la condizione indispensabile per ottenere un risultato valido sia dal punto di vista estetico che funzionale e garantire la stabilità nel tempo. Il trattamento combinato ortodontico-chirurgico deve porsi come obiettivo primario la riabilitazione globale di tutte le funzioni dell’apparato stomatognatico. L’estetica, in quanto facente parte di tali funzioni, sarà uno degli aspetti da prendere in esame durante la terapia: sarà la riarmonizzazione globale dell’apparato stomatognatico a rendere possibile la riarmonizzazione estetica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail