Home > Riviste > Italian Journal of Maxillofacial Surgery > Fascicoli precedenti > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2002 December;13(3) > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2002 December;13(3):173-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF MAXILLOFACIAL SURGERY

Rivista di Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Maxillofacial Surgery


eTOC

 

CASI CLINICI  


Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2002 December;13(3):173-7

lingua: Inglese

Neoplasia primaria maligna del nervo mandibolare

Padula E. 1, Cusino C. 1, Pinna V. 2

1 Department of Oral ­and Maxillofacial Surgery S. Bortolo Hospital, Vicenza, Italy
2 Department of Neuroradiology S. Bortolo Hospital, Vicenza, Italy


PDF  


Gli Autori riportano il caso clinico di un paziente di sesso maschile di 12 anni, affetto da una neoformazione espansiva del nervo alveolare inferiore che all’esame istologico veniva descritto come neoplasia maligna della guaina del nervo periferico con assenza di necrosi, rarità di mitosi e indice di proliferazione cellulare limitato (Ki67/MIB1). La diagnosi istologica risultava essere di neoplasia a basso grado probabilmente insorta su neurofibroma di grading G1. Le radiografie convenzionali nonché la TC e la RMN dimostravano una lesione osteolitica a partenza dal nervo mandibolare destro.
Il trattamento chirurgico da noi effettuato è stato caratterizzato dall’asportazione ossea radicale dell’area neoplastica con ricostruzione mediante autoinnesto osseo di cresta iliaca fissata con placche e viti in titanio che non sono state rimosse considerando l’assenza di complicanze quali infezione ed esposizione delle stesse.
La guarigione delle ferite è stata curata con scrupolo al fine di evitare infiltrazioni e infezioni dell’innesto anche mediante sedute di ossigenoterapia iperbarica.
L’estensione del tumore, limitata all’osso e non infiltrante la mucosa orale, il basso grado istologico di malignità, nonché la generale buona guarigione postoperatoria nei soggetti di giovane età, ci hanno indotto, al momento, ad optare per un autoinnesto di cresta iliaca invece di un innesto microvascolarizzato caratterizzato da una maggiore invasività chirurgica e postumi cicatriziali di maggior evidenza.
L’integrità del condilo è di auspicio per un accrescimento mandibolare nei rispetti dell’euritmica facciale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail