Home > Riviste > Italian Journal of Maxillofacial Surgery > Fascicoli precedenti > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2001 August;12(2) > Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2001 August;12(2):103-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF MAXILLOFACIAL SURGERY

Rivista di Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Maxillofacial Surgery


eTOC

 

CASI CLINICI  


Rivista Italiana di Chirurgia Maxillo-Facciale 2001 August;12(2):103-6

lingua: Inglese

Fibroma desmoplastico della mandibola. Caso clinico

Maremonti P., Califano L. *, Mangone G. M. *, Friscia M. *, Longo F. *, Insabato L. **

From the Operative Unit Maxillofacial Surgery, Bellaria Hospital of Bologna, Italy
* Maxillofacial Surgery Department and ** Department of Pathology, “Federico II” University of Naples, Italy


PDF  


McFarlane nel 1932 fu il primo a riportare la presenza del tumore desmoide dei tessuti molli. È più frequentemente presente in cavità addominale ma può localizzarsi anche alle estremità. Il fibroma desmoplastico rappresenta uno dei tumori ossei rari, e può essere considerato come la variante intraossea del maggior numero di tumori desmoidi dei tessuti molli, con solo 150 casi riportati in letteratura. Si può localizzare in differenti ossa; la mandibola è il sito più comune, seguito dalla metafisi del femore, tibia e omero. L’etiologia è sconosciuta, tuttavia sono stati coinvolti traumi, fattori endocrini e genetici. I mascellari sono interessati più frequentemente tra i 10 ed i 45 anni con un picco di incidenza di 17,2 anni e con un rapporto maschi/femmine di 1,5/1. I sintomi sono correlati all’espansione del tumore con scarsa presenza di sintomatologia dolorosa e di parestesie. Fratture patologiche sono state riportate in associazione lesioni delle ossa lunghe. Radiograficamente la lesione appare come un’area radiotrasparente con aspetto uni o multiloculare. La diagnosi radiologica differenziale viene fatta con l’ameloblastoma, il mixoma odontogeno, l’emangioma centrale, la cisti ossea aneurismatica, il fibroma condromixoide e il granuloma eosinofilo. Macroscopicamente, il tumore desmoplastico come una massa fissa, teso-elastica, non capsulata. Le recidive locali sono correlate alla presenza di margini di escissione positivi. Gli Autori riportano un caso di un maschio di 45 anni con una lesione dolente dell’angolo mandibolare sinistro. È stata praticata una resezione in anestesia generale dell’angolo mandibolare sinistro con un approccio cervicale. Il paziente è stato sottoposto ad un follow-up di 12 mesi senza presentare nessuna recidiva. È stata programmata una ricostruzione secondaria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail