Ricerca avanzata

Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2016 Settembre;14(3) > Acta Vulnologica 2016 Settembre;14(3):152-62

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Acta Vulnologica 2016 Settembre;14(3):152-62

 CASE REPORTS

Terapia a pressione negativa monouso: l’arma in più nella prevenzione e nel trattamento delle complicanze della ferita chirurgica

Domitilla FOGHETTI

UOC Chirurgia Generale Oncologica e Vascolare, Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord, Pesaro, Italy

Il verificarsi di complicanze a carico della ferita chirurgica, come la comparsa di infezione o deiscenza, può determinare una rilevante morbidità, un prolungamento della degenza ospedaliera, l’incremento della spesa sanitaria e un non trascurabile rischio di mortalità. Nonostante la diffusione di misure di prevenzione quali la profilassi antibiotica, la detersione antisettica della cute, un’impeccabile tecnica chirurgica associata al rispetto delle regole di comportamento degli operatori in sala operatoria, l’incidenza delle infezioni del sito chirurgico resta circa il 15% per interventi di chirurgia addominale e raggiunge percentuali più elevate nei pazienti sottoposti a chirurgia colo-rettale. Le specie di patogeni isolate più frequentemente in caso di infezioni del sito chirurgico, fanno presupporre che si verifichi durante l’intervento, nella maggior parte dei casi, una contaminazione endogena dalla cute del paziente o dal tratto gastro-intestinale. Per tale motivo una considerevole percentuale di casi di infezione potrebbe essere prevenuta drenando le secrezioni contaminate dalla ferita chirurgica soprattutto nell’immediato postoperatorio. L’utilizzo della terapia a pressione negativa (NPWT) monouso come dispositivo per la prevenzione delle infezioni della ferita chirurgica nei pazienti ad alto rischio, è una concetto relativamente recente ma con evidenze sempre più frequenti riportate in letteratura. Diversi studi hanno dimostrato la riduzione dell’essudato e della formazione di sieromi ed ematomi a livello dell’incisione chirurgica, con conseguente minore tasso di infezione e deiscenza. Oltre al suo utilizzo in prevenzione, la NPWT monouso è una terapia appropriata anche per il trattamento delle complicanze della ferita chirurgica, essendo efficace nel determinare la riduzione dell’essudato, l’aumento del tessuto di granulazione e la contrazione dei margini della ferita. Riportiamo la nostra esperienza preliminare nell’utilizzo di questa tecnologia cost-effective e di semplice utilizzo nella prevenzione e trattamento delle complicanze della ferita chirurgica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina