Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2015 Marzo;13(1) > Acta Vulnologica 2015 Marzo;13(1):37-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Acta Vulnologica 2015 Marzo;13(1):37-41

lingua: Italiano, Inglese

Trattamento del mal perforante con gel piastrinico autologo: un caso clinico

Caiazza M. 1, De Cenzo O. 1, Masini E. 1, Mininni V. 1, Maresca L. 2, Zuccarelli B. 1

1 Unit of Transfusion Medicine, Dei Colli di Napoli (Monaldi‑CTO‑Cotugno) Hospital, Naples, Italy;
2 Department of Angiology, Dei Colli di Napoli (Monaldi‑CTO‑Cotugno) Hospital, Naples, Italy


PDF  


Il termine “mal perforante” si riferisce a un processo di ulcera perforante, di circa 2-3 cm, con una ridotta capacità di guarigione spontanea, localizzata sulla superficie plantare dei piedi. Le cause più frequenti sono rappresentate da malattie vascolari degli arti inferiori, arteriopatia ostruttiva, ma soprattutto da diabete mellito. In questo lavoro abbiamo studiato un caso molto interessante. Ad una paziente di 73 anni è stata diagnosticata, dal day hospital di angiologia dell’Azienda Ospedaliera “Dei Colli (Monaldi-Cotugno-CTO)”, un’ulcera perforante al piede destro, nella zona del metatarso delle dita e una lesione cm 2 x 2,5 è stato portato alla nostra attenzione. Il Servizio di Angiologia ha allora consultato il Dipartimento di Medicina Trasfusionale per un possibile trattamento con gel piastrinico autologo. Il sistema utilizzato per il processo di trattamento con gel piastrinico autologo è il Sistema Vivostat®. Da un paziente idoneo vengono prelevati 120 ml di sangue intero e raccolti nell’Unità Vivostat®; da questa dose vengono successivamente prelevati circa 6 ml di PRF. Due settimane dopo l’applicazione di PRF, dopo completa rimozione della medicazione, è stata osservata una guarigione quasi intera, con completa rigenerazione del tessuto eroso dall’ulcerazione e letto completamente rivascolarizzati. Si è poi deciso di non procedere ad altre applicazioni PRF.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail