Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2014 June;12(2) > Acta Vulnologica 2014 June;12(2):101-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Acta Vulnologica 2014 June;12(2):101-7

lingua: Italiano, Inglese

L’utilizzo della pressione topica negativa nelle medicazioni difficili: casistica clinica esaminata presso l’Ambulatorio di Chirurgia Vascolare Azienda Ulss 18 Rovigo

Mocellin S. 1, Schiesaro S. 2, Ruzza L. 3, Girotto E. 4

1 Department of Surgical and Oncological Sciences, University of Padua, Padua, Italy;
2 Vascular Surgery, Azienda Ulss 18, Rovigo, Italy;
3 Infermiere;
4 Research and Professional Development Area, Nursing Direction, Azienda Ulss 18, Rovigo, Italy


PDF  


La terapia a pressione topica negativa o TNP therapy è un trattamento avanzato e non invasivo per la gestione delle ferite acute o croniche. L’applicazione della pressione negativa sul letto della lesione è il punto centrale della terapia ed i valori di pressione negativa adottabili variano in un range che va dai 40 ai 125 mmHg. La TNP, presso l’Ospedale di Rovigo, è stata applicata a partire dal 2008 a 29 pazienti: il gruppo era composto da 25 uomini e 4 donne dell’età media di 68 anni, la maggior parte dei pazienti presenta pluripatologie e le più diffuse sono l’arteriopatia degli arti inferiori (24 pazienti) e il diabete mellito (17 pazienti). La terapia, questa è stata applicata per una durata media di 28 giorni (range 4-97 giorni). Gli obiettivi erano la riduzione del volume della ferita, l’aumento del tessuto di granulazione e la gestione dell’essudato, per 21 ferite questi obiettivi sono stati raggiunti, per 3 sono stati parzialmente raggiunti e per 5 non sono stati raggiunti. Dall’esperienza svolta in questi anni possiamo affermare che la TNP permette di arrivare a buoni risultati in termini di guarigione in tempi ridotti, rappresenta una valida tecnica per il trattamento delle ferite. La conoscenza di questa medicazione andrebbe maggiormente diffusa per il trattamento delle ferite difficili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail