Ricerca avanzata

Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2014 Giugno;12(2) > Acta Vulnologica 2014 Giugno;12(2):71-80

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee

Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1721-2596

Online ISSN 1827-1774

 

Acta Vulnologica 2014 Giugno;12(2):71-80

 ARTICOLI ORIGINALI

Attività antibatterica e anti-proliferativa in vitro di sulfadiazina argentica utilizzata da sola e associata con acido ialuronico

Figura N. 1, Biagi M. 2, Collodel G. 3, Gonnelli S. 1, Moretti E. 3

1 Department of Medical and Surgical Sciences and Neuroscience, Siena University, Policlinico Santa Maria alle Scotte, Siena, Italy;
2 Department of Physics Earth and Environmental Sciences, Siena University, Policlinico Santa Maria alle Scotte, Siena, Italy;
3 Department of Molecolar Medicine and Development, Siena University, Policlinico Santa Maria alle Scotte, Siena, Italy

OBIETTIVO: La superinfezione di lesioni cutanee croniche (LCC), come piaghe da decubito e ulcere vascolari, sono cause importanti di morbosità e mortalità. La terapia d’eccellenza per la prevenzione e per il trattamento di queste infezioni prevede l’uso locale di una soluzione di 1% sulfadiazina argentica (SA), e 1% sulfadiazina argentica con 0,2% di acido ialuronico (SAAI).
METODI: Abbiamo determinato in vitro la concentrazione minima battericida (CMB) di SA e SAAI nei confronti di Staphylococcus aureus, un ceppo di S. aureus meticillino-resistente e Pseudomonas aeruginosa, utilizzando il metodo della diluizione in brodo con subcultura su agar. Abbiamo anche verificato se SA e SAAI influenzino la proliferazione di fibroblasti (PF). Infine S. aureus e P. aeruginosa sono state esaminate mediante microscopia elettronica a trasmissione (TEM) alla CMB di SA e SAAI.
RISULTATI: CMB di SA era 1:10 (corrispondente a 1 mg/mL di sulfadiazina argentica) e quella di SAAI era 1:5 contro tutte le specie e varianti esaminate. Alle concentrazioni più alte, SA e SAAI hanno ridotto significativamente la PF. Con SA, l’analisi al TEM ha mostrato precipitati di argento all’interno dei batteri, alterazioni della membrana e vacuolizzazione del citoplasma. Tali alterazioni sono risultate meno severe con SAAI.
CONCLUSIONI: SA ha mostrato una maggiore attività antimicrobica rispetto a SAAI, confermata dall’analisi al TEM. Entrambe le sostanze hanno ridotto la PF, ma la differenza tra loro non è risultata significativa.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina