Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2014 Giugno;12(2) > Acta Vulnologica 2014 Giugno;12(2):63-70

ULTIMO FASCICOLOACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Vulnologica 2014 Giugno;12(2):63-70

lingua: Italiano, Inglese

Gestione manageriale del paziente portatore di ulcere cutanee croniche: i percorsi clinico assistenziali nell’ottica del problem solving

Spano L. A., Cocchieri C., Pierangeli M., Tartaglione C., Bolletta E., Scalise A.

Ambulatorio Ferite difficili, Z.T. ASUR Marche, A.V.5 Product Specialist, Unità Operativa di Chirurgia Plastica, Ospedale Torrette, ASUR Marche A.V.2, Ancona, Italia


PDF  ESTRATTI


Vengono denominate ferite difficili o ulcere cutanee croniche quelle lesioni caratterizzate da perdita di sostanza che persistono per quattro/otto settimane in assenza di tendenza a guarigione. Andersson identifica questa patologia a carico delle fasce di età avanzata con una prevalenza variabile dallo 0,15% all’1,02%, dato che varia con prevalenza dello 0,3% a 60 anni, dell’1% a 65 anni, fino al 5% a 90 anni. Anche se il 40% dei pazienti affetti da ulcere cutanee croniche sfugge a questa percentuale in quanto giovani, in età lavorativa o che si curano da soli.

inizio pagina