Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2010 Settembre;8(3) > Acta Vulnologica 2010 Settembre;8(3):149-58

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Acta Vulnologica 2010 Settembre;8(3):149-58

lingua: Italiano

L’uso del PHMB a scopo antimicrobico per prevenire le infezioni delle ferite

Moore K. 1,2, Gray D. 1

1 Dipartimento per la Conservazione dei Tessuti, Aberdeen Royal Infirmary, Foresterhill, Aberdeen, UK
2 Ferite, Aberdeen Royal Infirmary, Foresterhill, Aberdeen, UK


PDF  


Le infezioni delle ferite postoperatorie possono comportare ritardo della guarigione, prolungamento del periodo di ricovero e aumento dei costi. L’aumentata resistenza dei batteri agli antibiotici riduce l’uso degli stessi a scopo profilattico. Una valida alternativa è oggi data dall’uso di antisettici che non generano fenomeni di resistenza. Le medicazioni AMD™ utilizzano il poliesametilene biguanide, che è stato dimostrato essere a bassa tossicità per le cellule della lesione ma efficace nell’eliminazione dei batteri resistenti agli antibiotici. Questo testo esamina le prove dell’efficacia terapeutica e il rapporto costo/efficacia delle medicazioni AMD nella prevenzione dei focolai d’infezione usandolo regolarmente nei protocolli di trattamento delle ferite.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail