Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2010 March;8(1) > Acta Vulnologica 2010 March;8(1):15-19

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Vulnologica 2010 March;8(1):15-19

lingua: Italiano

Ruolo dell’acido ialuronico nelle lesioni croniche cutanee non-responder

Nebbioso G., Petrella F., Caprarella E.

Azienda Sanitaria Napoli-1 Centro, Napoli, Italia


PDF  


Il processo di riparazione tissutale è un evento dinamico complesso, caratteristicamente distinto in tre fasi: di emostasi-infiammazione, di proliferazione e di rimodellamento, durante le quali interagiscono diverse cellule e molecole sia residenti che infiltranti la ferita. Fattori sistemici e locali possono interferire negativamente con il processo di guarigione, determinando un blocco dello stesso. Le ulcere croniche appaiono, infatti, essere bloccate in una delle tre fasi con ritardo del tempo di guarigione. L’applicazione su queste lesioni di materiali starter come l’acido ialuronico e/o il collagene potrebbe favorire il superamento del blocco con formazione della matrice extracellulare e la sintesi si collagene da parte dei fibroblasti, accelerando così la guarigione. Sono stati trattati 14 pazienti con ulcere croniche di diversa eziologia e di difficile risoluzione, con l’applicazione in sede della lesione di esteri dell’acido ialuronico (Hyalofill-F) che ha determinato in alcuni la completa guarigione, in altri un netto miglioramento dello stato della lesione, con la formazione di un tessuto di granulazione ben vascolarizzato ed una macroscopica proliferazione dei margini.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail