Ricerca avanzata

Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2009 Dicembre;7(4) > Acta Vulnologica 2009 Dicembre;7(4):207-15

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee

Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1721-2596

Online ISSN 1827-1774

 

Acta Vulnologica 2009 Dicembre;7(4):207-15

 REVIEW

Raccomandazioni pratiche per il trattamento di lesioni criticamente colonizzate e localmente infette con poliexanide

Dissemond J. 1, Gerber V. 2, Kramer A. 3, Riepe G. 4, Strohal R. 5, Vasel-BiergansA. 6, Eberlein T. 7

1 Clinica Universitaria di Essen, Clinica di Dermatologia, Venerologia e Allergologia, Essen, Germania
2 Formazione e Consulenza nel Trattamento delle Ferite Spelle, Germania
3 Istituto di Igiene e Medicina Ambientale dell’Università Ernst Moritz Arndt di Greifswald Greifswald, Germania
4 Stiftungsklinikum Mittelrhein, Centro di Medicina Vascolare e Trattamento Ferite, Boppard, Germania
5 Ospedale Universitario Zonale di Feldkirch, Reparto di Dermatologia e Venerologia, Feldkirch, Germania
6 Farmacia centrale Clinica di Stoccarda Katharinenhospital Diakonie-Klinikum Stuttgart Clinica Medica I, Stoccarda, Germania
7 Specialista in Dermatologia/, Venerologia - Allergologia, Norimberga, Germania

Le infezioni rappresentano una particolare sfida nel trattamento delle lesioni acute e croniche. Le tipiche complicazioni pregiudicano non soltanto il successo dell’intero trattamento, ma possono comportare persino la necessità di ricorrere ad amputazioni o addirittura rappresentare un rischio per la vita del paziente. Poliexanide è una sostanza antimicrobica perfettamente indicata in presenza di lesioni croniche e acute criticamente colonizzate o infette. Tale valutazione si basa soprattutto sull'ampio spettro antimicrobico, sulla buona biocompatibilità di cellule e tessuti, sulla capacità di adesione alla matrice organica, sul basso rischio di sensibilizzazioni da contatto e sull’azione coadiuvante la guarigione della lesione. Fino ad oggi non si è osservata nessuna resistenza ai patogeni nell’impiego di poliexanide.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina