Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2009 September;7(3) > Acta Vulnologica 2009 September;7(3):101-2:137-44

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Vulnologica 2009 September;7(3):101-2:137-44

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione dell’efficacia degli “ozonidi” nel processo di riparazione tessutale di lesioni croniche cutanee dermo-epidermiche

Petrella F. 1, Nebbioso G. 2

1 ASL Napoli 1 Centro, Portici, Italia
2 ASL Napoli 1 Centro, Napoli, Italia


PDF  


L’ozono è un componente naturale dell’atmosfera. Gas instabile che trova applicazione sia nel campo industriale che in quello medico. In campo industriale, per le sue proprietà disinfettanti e sanitizzanti. Ma è nell’applicazione sui tessuti viventi che le ricerche hanno dato risultati promettenti confermando l’attività dell’ozono nello stimolare le difese naturali delle cellule e nell’incrementare la loro disponibilità energetica.Interagisce con le tre linee metaboliche fondamentali (metabolismo proteico,lipidico e glucidico) ed inoltre aumenta la deformabilità degli eritrociti, aumentando il livello di ossigenazione dei tessuti. Si valuta l’applicazione clinica di una sostanza derivata dalla degradazione dell’ozono(ozonolisi) denominata “ozonidi”. La stabilizzazione di questa sostanza è resa possibile dall’applicazione di una tecnologia molto sofisticata che produce oli nei quali i doppi legami sono stati saturati da tre atomi di ossigeno dell’ozono, rendendo il composto stabile ed utilizzabile in linee cosmetologiche. Si è valutato il suo impiego clinico nel trattamento di lesioni dermo-pepidermiche in ulcere cutanee di origine venosa, verso un gruppo di controllo, in un tempo predeterminato. Il risultato di questa sperimentazione dimostra che essa svolge un ruolo positivo nel processo di riparazione delle lesioni croniche cutanee.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail