Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2008 Settembre;6(3) > Acta Vulnologica 2008 Settembre;6(3):125-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Vulnologica 2008 Settembre;6(3):125-32

lingua: Italiano

Microcircolo e ulcere venose

Apollonio A. 1, Mosti G. 2, Ricci E. 3

1 Unità Operativa di Angiologia Ospedale di Belcolle, Viterbo, Italia
2 Unità Operativa di Angiologia, Clinica M.D. Barbantini, Lucca, Italia
3 Unità Operativa Ferite Difficili Casa di Cura S. Luca, Pecetto Torinese Torino, Italia


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio è stato quello di raccogliere informazioni sui principali fattori di rischio collegati alle ulcere venose e di verificare il ruolo del microcircolo nella guarigione delle stesse, valutando l’efficacia di una terapia farmacologica sistemica che integri le terapie locali standardizzate.
Metodi. Lo studio ha avuto una durata di tre mesi. Un totale di 338 pazienti, età media 69,3 anni, di cui il 65,1% di sesso femminile sono stati controllati e trattati, oltre che con la terapia convenzionale, con una terapia sistemica, costituita da farmaci flebotonici o antitrombotici per 12 settimane, di cui nel 86,7% dei casi il farmaco è stato Sulodexide, 500 USL/die.
Risultati. Tra i fattori di rischio sono risultati prevalenti l’insufficienza venosa superficiale e lo scorretto appoggio plantare. È emerso che la cronicizzazione della lesione oltre i tre mesi aumentava significativamente il dolore ed il grado d’invalidità. Dopo 12 settimane di terapia integrata, le ulcere venose erano guarite o migliorate nel 91,7% dei casi. Anche il grado di granulazione, il fondo dell’ulcera e la presenza di essudato, segni identificativi della guarigione dell’ulcera, risultavano significativamente migliorati. L’intensità del dolore, misurata con scala visuoanalogica, è drasticamente calata, passando dal valore iniziale di 6,3±2,2 a dopo la terapia, mentre nel 52,1% dei pazienti il dolore risultava assente al termine dell’osservazione. La frequenza delle medicazioni locali si è decisamente diradata.
Conclusioni. Il trattamento integrato, con l’impiego di farmaci attivi sul microcircolo, sembrerebbe poter ridurre il dolore ed accelerare il processo di guarigione delle ulcere venose, con beneficio per il paziente e risparmio economico nella gestione di tale patologia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail