Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2008 Giugno;6(2) > Acta Vulnologica 2008 Giugno;6(2):57-61

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Vulnologica 2008 Giugno;6(2):57-61

lingua: Italiano

Omocisteinemia in pazienti con ulcere cutanee croniche degli arti inferiori: risultati preliminari

Bottini S., Francia C., Lunardon L., Persico M. C., Veraldi S.

Istituto di Scienze Dermatologiche Università degli Studi di Milano Fondazione I.R.C.C.S. Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli e Regina Elena, Milano, Italia


PDF  


Obiettivo. Scopo dello studio è stato quello di valutare i livelli ematici di omocisteina e acido folico in pazienti con ulcere cutanee croniche degli arti inferiori di eziologia variabile. L’obiettivo era ricercare un’eventuale correlazione tra iperomocisteinemia e ritardo nei processi di riparazione tissutale.
Metodi. Ventisei pazienti (7 maschi e 19 femmine, con un’età media di 71,5 anni) sono stati sottoposti a valutazione periodica dei livelli di omocisteina e acido folico ematici.
Risultati. In 19/26 pazienti è stato osservato un aumento dell’omocisteinemia ed è stata prescritta una terapia con acido folico per os (5 mg /die). In 11/19 pazienti questa terapia ha portato a una normalizzazione dell’omocisteinemia. In 13/19 pazienti è stato osservato un progressivo miglioramento delle ulcere. Sei pazienti sono stati persi al follow-up.
Conclusioni. L’iperomocisteinemia è un reperto pressochè costante nei pazienti con ulcere cutanee croniche. Tuttavia, non è possibile affermare che l’iperomocisteinemia sia esclusivamente correlata alle ulcere cutanee. In quasi tutti i pazienti abbiamo osservato una normalizzazione dei livelli ematici di omocisteina dopo somministrazione di acido folico. In questi stessi pazienti abbiamo osservato un significativo miglioramento clinico delle ulcere. Rimane peraltro da chiarire se il miglioramento delle ulcere sia la conseguenza della normalizzazione dell’omocisteinemia o se, al contrario, quest’ultima si riduca in seguito al miglioramento delle ulcere.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail