Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2007 Giugno;5(2) > Acta Vulnologica 2007 Giugno;5(2):51-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Acta Vulnologica 2007 Giugno;5(2):51-9

lingua: Italiano

Bendaggio e medicazioni avanzate nelle ulcere venose: protocollo di trattamento

Crespi A. 1, Martinoli M. 1, Ferrari A. 1, Lombardi A. 2, Apollonio E. 2, Zaltieri C. 2, Pezzolato C. 2

1 Dipartimento di Chirurgia Generale ASL 13 Novara
2 Servizio Cure Domiciliari ASL 13 Novara


PDF  


Il bendaggio elastocompressivo è tra le tecniche più usate per il trattamento delle ulcere delle gambe su base venosa. Con questa tecnica, oltre a ridurre la pressione delle vene superficiali, si crea un aumento della pressione interstiziale e della clerance capillare locale e un aumento della velocità del flusso nelle vene profonde. In definitiva, si migliora l’ossigenazione e l’apporto nutritivo nei tessuti cutanei con evidenti benefici in termini di chiusura delle ulcere venose.
Secondo una revisione sistematica Cochrane, nella maggioranza di ulcere venose una semplice medicazione assorbente non aderente offre una protezione sufficiente sotto bendaggio compressiovo. La medicazione va comunque scelta in base alle caratteristiche della lesione e della cute circostante considerando altri fattori quali la presenza di essudato ed il dolore sofferto dal paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail