Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2006 June;4(2) > Acta Vulnologica 2006 June;4(2):81-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Vulnologica 2006 June;4(2):81-9

lingua: Italiano

Le ulcere degli arti inferiori: analisi di fabbisogno formativo degli infermieri delle Unità Operative di Medicina della Azienda Ospedaliera di Pordenone

Corradin M. T. 1, Dell’Anna L. 2, Bidoli E. 3

1 Unità Operativa di Dermatologia Azienda Ospedaliera di Pordenone
2 Centro di Formazione e Documentazione Azienda Ospedaliera di Pordenone
3 S.O.C. di Epidemiologia e Biostatica Centro di Riferimento Oncologico Istituto Nazionale Tumori IRCCS Aviano


PDF  


Obiettivo. Lo scopo dello studio è stato valutare le conoscenze che gli Infermieri di una Unità Operativa di Medicina possiedono nei confronti delle lesioni ulcerative, in particolare di quelle degli arti inferiori, per allestire poi un intervento formativo mirato.
Metodi. Attraverso l’analisi dei bisogni formativi, che è un processo strutturato di verifica degli standard professionali, e con l’uso di un questionario opportunamente allestito, sono stati esaminati i seguenti ambiti di ricerca: sedi e meccanismi causali delle ulcere, ulcere infette, materiali per le medicazioni con indicazioni e limiti d’uso, tecniche di fasciatura e bendaggi elastocompressivi, controllo del dolore e gestione delle lesioni ulcerative.
Risultati. Dall’elaborazione dei dati ottenuti si è potuto stabilire che le conoscenze che essi possiedono nei confronti delle lesioni da pressione, ed in minor misura delle ulcere diabetiche, possono ritenersi soddisfacenti, mentre le conoscenze sulle ulcere venose ed arteriose, sui materiali da usare per le medicazioni, sul bendaggio elastocompressivo e sulla gestione delle lesioni ulcerative devono essere riorganizzate.
Conclusioni. Questi risultati possono trovare una possibile spiegazione nel fatto che l’ulcera da decubito è la patologia meglio affrontata nel nostro paese, perché sono ormai alcuni anni infatti che la questa lesione viene affrontata con sistemi moderni di diagnosi, trattamento e prevenzione. Le altre lesioni ulcerative, ad eccezione forse del piede diabetico, non hanno ancora ricevute altrettante attenzioni, non rientrando in generale nei programmi di aggiornamento Regionali e delle singole Aziende Sanitarie, conseguentemente le conoscenze che gli Infermieri posseggono nei loro confronti non sono adeguate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail