Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2006 June;4(2) > Acta Vulnologica 2006 June;4(2):63-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Vulnologica 2006 June;4(2):63-72

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

PROFORE” bendaggio a 4 strati

Crespi A. 1, Martinoli M. 2, Ferrari A. 3, Lombardi A. 4

1 Dipartimento di Chirurgia Generale ASL 13 Novara
2 Dipartimento di Chirurgia Generale ASL 13 Novara
3 CPS - Ambulatorio ionfermieristico Lesioni Cutanee P.O. San Rocco - Galliate ASL 13 Novara
4 CPSE - Cure Domiciliari di Novara - ASL 13


PDF  


Obiettivo. I bendaggi multistrato sono stati creati in base al principio che vari strati di bende di bassa elasticità possono essere applicati in combinazione ottenendo una compressione ottimale ed evitando il rischio di raggiungere pressioni eccessive che si presenta con le bende di elevata elasticità. La composizione dei bendaggi multistrato è complessa. Scopo del lavoro è stato quello di portare a guarigione le ulcere venose dell’arto inferiore utilizzando il bendaggio a 4 strati “Profore”. La scelta di utilizzare “Profore” è nata dal fatto che, per le proprie caratteristiche, può garantire un’adeguata compressione, evitando di raggiungere pressioni eccessive, e per tale ragione è ben tollerato dal paziente e può essere confezionato anche da personale infermieristico esperto.
Metodi. Abbiamo trattato 19 pazienti affetti da ulcere venose, mono e bilaterali, agli arti inferiori. L’eziologia venosa è stata documentata mediante esame ecocolordoppler. Tutti i pazienti erano deambulanti. Il bendaggio è stato confezionato da personale infermieristico esperto con frequenza settimanale o bisettimanale in relazione alle condizioni di tenuta del bendaggio o allo stato di essudazione della lesione.
Risultati. I parametri presi in osservazione al fine del risultato sono stati la guarigione dell’ulcera, la riduzione dell’edema degli arti (al tempo T0 e al tempo T1), la sintomatologia riferita (scala numerica T0-T1), la compliance del paziente, la tollerabilità del bendaggio, la qualità di vita del paziente (scala analogica T0-T1), il tempo di confezionamento del bendaggio da parte del CPS, la soddisfazione dell’operatore.
Conclusioni. Utilizzando il bendaggio a 4 strati “Profore” abbiamo portato a guarigione 19 pazienti affetti da ulcere venose agli arti inferiori in 6 - 8 settimane.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail