Ricerca avanzata

Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2) > Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2):79-83

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee

Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1721-2596

Online ISSN 1827-1774

 

Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2):79-83

 CASI CLINICI

Ulcere degli arti inferiori e terapia con idrossiurea

Pacifico F. 1, Acernese C. A. 2, Corbo C. 3, Nunziata G. 4, Guglielmucci G. 5, Scrocco D. 1

1 Dipartimento di Chirurgia UOSC di Chirurgia Generale ADiTUC Ambulatorio di Diagnosi e Terapia delle Ulcere Cutanee Ospedale “Sacro Cuore di Gesù”- Fatebenefratelli, Benevento
2 UOSS di Chirurgia Vascolare Ospedale “Sacro Cuore di Gesù”- Fatebenefratelli, Benevento
3 Dipartimento di Medicina UOSS di Oncologia Ospedale “Sacro Cuore di Gesù”- Fatebenefratelli, Benevento
4 UOSS di Ematologia Ospedale “Sacro Cuore di Gesù”- Fatebenefratelli, Benevento
5 Dipartimento di Igiene Ospedaliera ed Organizzazione dei Servizi Ospedale “Sacro Cuore di Gesù”, Fatebenefratelli, Benevento

Le ulcere degli arti inferiori non sono una complicanza rara nei pazienti in terapia con idrossiurea (HU), verificandosi circa nel 9% dei casi. Questo studio descrive il caso di un paziente con ulcerazioni di una gamba dopo assunzione di HU per lungo tempo per una leucemia mieloide cronica. Dopo 5 anni di trattamento con 1.5 g/die di HU, un uomo di 70 anni di razza bianca ha sviluppato ulcere alla gamba sinistra. Una estesa ulcera è comparsa sul malleolo sinistro ed altre due ulcere si sono sviluppate a livello del secondo e terzo dito del piede. Era presente inoltre un’area di necrosi di circa 1.5 cm2 sul lato laterale del piede, vicino al tallone. Era presente un’evidente edema del piede e il paziente riferiva una importante sintomatologia dolorosa. Non erano clinicamente evidenti alterazioni della circolazione arteriosa o venosa. Le biopsie cutanee delle ulcere malleolari hanno messo in evidenza uno spiccato quadro infiammatorio acuto esteso fino agli strati profondi del derma. Inoltre sempre a livello delle strutture del derma erano presenti lesioni con le tipiche caratteristiche del granuloma piogeno. Per la patologia ematologica non è stato possibile sospendere la terapia con HU ma le dimensioni delle ulcere si sono ridotte notevolmente dopo una riduzione del dosaggio di HU per un breve tempo. Un anno dopo il paziente ha presentato un’ulcere sull’altra gamba.
La patogenesi delle ulcere indotte da HU non è ancora del tutto chiarita ma i meccanismi coinvolti includono l’inibizione della sintesi del DNA ed il conseguente danno dei cheratinociti. La macroeritrocitosi può essere un altro fattore determinante ed i traumi potrebbero essere i fattori scatenanti.
Le variazioni delle dimensioni delle ulcere indotte dal dosaggio di HU, così come l’azione dell’HU sui cheratinociti sembra essere reversibile.
In conclusione si ritiene che la diagnosi delle ulcere indotte da HU è molto difficile e in alcune condizioni può essere fattibile solo con l’evidenza della regressione delle lesioni dopo sospensione delle terapia. In letteratura sono riportati differenti tipi di trattamento delle ulcere indotte da HU ma si tratta sempre di ulcere di difficile gestione che necessitano di studi più approfonditi per la loro risoluzione.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina