Ricerca avanzata

Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2) > Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2):71-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2):71-8

 ARTICOLI ORIGINALI

Prevenzione delle ulcere da decubito nei pazienti anziani ospedalizzati

Meaume S. 1, Colin D. 2, Barrois B. 3, Bohbot S. 4, Allaert F. A. 5,6

1 Dipartimento di Geriatria Hopital Charles Foix, Ivry sur Seine, Francia
2 Centro di Riabilitazione Centre de L’Arche, le Mans, Francia
3 Dipartimento di Riabilitazione Centre Hospitalier de Gonesse, Francia
4 Laboratoires Urgo, Chenove, Francia
5 Dipartimento di Epidemiologia McGill University, Montreal, Canada
6 Cenbiotech, Dijon, Francia

Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro era identificare quali fattori contribuiscono allo sviluppo delle ulcere da decubito e valutare il ruolo dei farmaci per uso topico nella prevenzione della loro comparsa.
Metodi. È stata condotta un’indagine osservazionale, prospettica, che ha coinvolto 36 reparti di geriatria per un totale di 1121 pazienti ad alto rischio o ad altissimo rischio di ulcere da decubito. I pazienti, 667 (59,6%) dei quali sono stati sottoposti a un’applicazione delicata di un farmaco per uso topico nelle aree cutanee ad alto rischio, sono stati studiati per 8 settimane.
Risultati. Il 15,7% dei pazienti ha sviluppato un’ulcera da decubito. L’utilizzo di un farmaco per uso topico contenente quale principio attivo il corpitolinol 60 (Sanyrène/Corpitol) ha ridotto in modo significativo l’incidenza delle ulcere da decubito pelviche (P=0,04) quando è stato utilizzato congiuntamente a strategie di prevenzione documentate. L’analisi multivariata è stata utilizzata per la valutazione statistica dei dati. L’odd ratio risultante, pari a 0,61, indica che l’intervento messo in atto è stato di aiuto nel ridurre il numero di ulcere da decubito del 40%.
Conclusioni. I risultati di questo studio osservazionale possono rappresentare un’utile guida per la pianificazione di ulteriori studi clinici randomizzati controllati.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina