Home > Riviste > Acta Vulnologica > Fascicoli precedenti > Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2) > Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2):63-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA VULNOLOGICA

Rivista di Fisiopatologia e Terapia delle Lesioni Ulcerative Cutanee


Official Journal of the Italian Association for Cutaneous Ulcers
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Vulnologica 2005 Giugno;3(2):63-9

lingua: Italiano

Utilizzo di Urgotul S.Ag nel trattamento locale di ulcere croniche infette. Studio osservazionale

Crespi A. 1, Martinoli M. 2, Ferrari A. 3, Lombardi A. 4

1 Dipartimento di Chirurgia Generale ASL 13 Novara, Novara
2 Dipartimento di Chirurgia Generale ASL 13 Novara, Novara
3 Ambulatorio Lesioni Cutanee P.O. San Rocco - Galliate - ASL 13 Novara, Novara
4 Servizio Cure Domiciliari di Novara ASL 13 Novara, Novara


PDF  


Obiettivo. Obiettivo dello studio è stato quello di utilizzare Urgotul S.Ag. su lesioni cutanee croniche vascolari degli arti inferiori con presenza di contaminazione o colonizzazione batterica, riconoscendo alla sulfadiazina argentica il ruolo di potente antisettico locale ad ampio spettro.
Metodi. Presso l’ambulatorio di Lesioni Cutanee dell’Ospedale San Rocco di Galliate e presso il Servizio di Cure Domiciliari dell’ASL 13 (Distretto di Novara) sono stati seguiti 12 pazienti per un totale di 12 lesioni, impiegando Urgotul S.Ag. (versione con argento-sulfadiazina).
Risultati. È stata effettuata una valutazione clinica settimanale sino a completa regressione dei segni di contaminazione e colonizzazione batterica del fondo della lesione.
Conclusioni. Urgotul S.Ag .tutela la cute perilesionale grazie alle particelle lipidiche che non si dissociano dal reticolo in poliestere che le supporta, favorisce la granulazione tissutale grazie alla presenza di particelle idrocolloidali che creano un ambiente umido e non occlusivo, riduce la carica batterica del letto della lesione al di sotto della soglia di colonizzazione per la presenza di un antisettico quale la sufadiazina d’argento e permette di mantenere in situ la medicazione sino a 48 ore in quanto la S.Ag presente in Urgotul viene rilasciata sulla lesione in modo lento e controllato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail