Ricerca avanzata

Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2015 Dicembre;16(3) > Acta Phlebologica 2015 Dicembre;16(3):103-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Acta Phlebologica 2015 Dicembre;16(3):103-6

 ARTICOLI ORIGINALI

Variazioni anatomiche della vena epigastrica superficiale interna a confronto con la giunzione safeno-femorale: uno studio preliminare

Orsini A. 1, Allegra C. 2, D’Alessandro A. 4, Pelle F. 3, Pugliese F. 3, Izzo L. 3, Di Cello P. 3

1 San Raffaele University, Rome, Italy;
2 Master Director of Vascular Disease, S. Giovanni Hospital, Rome, Italy;
3 Department of Surgery, Policlinico Umberto I, Rome, Italy;
4 Department of Cardio-Vascular and Respiratory Sciences, Sapienza University, Rome, Italy

La chirurgia delle Vene varicose è la procedura chirurgica più comune cui scopo fondamentale è quello di prevenire le recidive. Un intervento chirurgico per le vene varicose non corretto può essere dovuto una mancanza di comprensione delle variazioni anatomiche della giunzione safeno-femorale (SFJ). La più importante variazione anatomica si verificano nel SFJ.
Durante l’intervento chirurgico abbiamo prestato un’attenzione specifica alla giunzione della vena epigastrica superficiale (ESI) e abbiamo misurato attraverso un centimetro chirurgico la distanza tra il bivio ESI con la vena safena e SFJ.
Inoltre abbiamo prestato un’attenzione specifica alle altre vene collaterali che di solito non sono considerate durante questo tipo di chirurgia.
I risultati dello studio hanno indotto la nostra scuola a non modificare la tecnica chirurgica di crossectomia radicale, ma migliorare la nostra competenza chirurgica su SFJ per osservare meglio le varianti anatomiche.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina