Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2015 Agosto;16(2) > Acta Phlebologica 2015 Agosto;16(2):83-92

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2015 Agosto;16(2):83-92

lingua: Inglese

Utilizzo del Ginkgo biloba fitosoma nella malattia venosa cronica degli arti inferiori: studio pilota

D’alessandro A. 1, Caroli A. 2, D’alessandro A. 3, Mandolesi D. 4, Venosi S. 5, Orsini A. 6, Riva A. 7, Morazzoni P. 7, Balbo A. 8, Mandolesi S. 9

1 Department of Angiology, T. Masselli‑Mascia Hospital, San Severo, Foggia, Italy;
2 National Epidemiological Observatory on Chronic Venous Insufficiency, Rome, Italy;
3 Faculty of Medicine, University of Foggia, Foggia, Italy;
4 Occupational Medicine, Sapienza University, Rome, Italy;
5 Department of Vascular Surgery Paride Stefanini, Sapienza University, Rome, Italy;
6 Department of Vascular Surgery, Gioia Hospital, Sora, Frosinone, Italy;
7 Department of Research and Development, Indena spa, Milan, Italy;
8 PL Pharma, Padua, Italy;
9 Department of Cardio‑vascular and Respiratory Sciences, Sapienza University, Rome, Italy


PDF  


OBIETTIVO: Secondo la classificazione CEAP la malattia venosa cronica (MVC) è un quadro clinico distinto in sei stadi; questo studio nasce con lo scopo di valutare l’azione terapeutica del Gingko biloba (Agheron Phytosome) nei primi tre stadi della classificazione CEAP della MVC al dosaggio di 120 mg die in mono-somministrazione per tre mesi.
METODI: I parametri clinici sono stati controllati periodicamente con follow-up a un mese e a tre mesi. Sono stati esclusi dallo studio i pazienti che effettuavano una contemporanea terapia antiaggregante o anticoagulante, pazienti in gravidanza.
RISULTATI: Dai questionari anamnestici è emerso che i sintomi più comuni erano rappresentati da gambe pesanti (96%), gambe doloranti (91%) e gonfiore (81.8%). La sensazione di gambe pesanti (16.3%) e di gambe gonfie (13.6%) inoltre rappresentavano i disturbi quotidiani più comuni assieme alla sensazione di bruciore o di spilli (21.8%). Cinquanta dei 53 pazienti (95%) hanno affermato che il proprio disturbo alle gambe abbia in qualche modo interferito con le loro normali attività quotidiane e nella maggior parte dei casi in maniera moderata. I migliori benefici sono stati ottenuti sulla sensazione di gambe pesanti: differenze statisticamente significative emergono nel confronto tra il giorno 0 e il 90° giorno di trattamento (P<0.01 X2=18.0798 e 6 gradi di libertà). Alla fine del trattamento più del 60% del campione ha quantificato il proprio disturbo come lieve (1, 2, 3) quando all’inizio del trattamento solo il 23% lo aveva valutato come tale. Le differenze riscontrate riguardo l’insorgenza dell’edema serotino tra il giorno 0 e il 90° giorno di trattamento non sono statisticamente significative ma c’è un chiaro trend di significatività.
CONCLUSIONI: Per concludere, Ginkgoselect® Phytosome® può ridurre significativamente il senso di gambe pesanti e, nonostante nel nostro studio non abbia raggiunto la significatività statistica, mostra delle potenzialità nel trattamento dell’edema serotino. Ulteriori studi sono necessari per comprendere appieno le potenzialità degli estratti di Ginkgo biloba nel trattamento dell’insufficienza venosa profonda.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail