Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2015 April;16(1) > Acta Phlebologica 2015 April;16(1):29-35

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2015 April;16(1):29-35

lingua: Inglese

Trombosi venosa profonda: complicazioni del linfedema cronico

Radu D. 1, 2, Cristodor P. 3, Teodorescu M. 4

1 First Surgical Clinic, County Emergency Hospital “Pius Brinzeu”, Timisoara, Romania;
2 Surgical Department, University of Medicine and Pharmacy “Victor Babes”, Timisoara, Romania;
3 Department of Dermatology, University of Medicine and Pharmacy “Victor Babes”, Timisoara, Romania;
4 Surgical Clinic, County Emergency Hospital “Pius Brinzeu”, Timisoara, Romania


PDF  


Il linfedema è definito come un accumulo interstiziale anomalo di fluido ricco di proteine nei tessuti molli, derivante dalla disfunzione del sistema linfatico: uno squilibrio tra la formazione di linfa e il suo assorbimento nei vasi linfatici prossimali. Il paziente (un uomo di 62 anni) è stato ricoverato presso la Prima clinica chirurgica dell’Ospedale provinciale per le emergenze “Pius Brinzeu”, Università di medicina e farmacia “Victor Babes” di Timisoara, Romania, il 21 ottobre 2014. In questo caso clinico, era raccomandabile disporre il ricovero ospedaliero presso un reparto specializzato, per formulare la diagnosi corretta e scegliere il giusto approccio terapeutico. Per trattare la complicanza acuta (trombosi venosa profonda), abbiamo usato eparina, la gamba sollevata, un bendaggio a 4 strati e, quando i segni acuti sono scomparsi, abbiamo spostato il paziente presso il reparto di dermatologia per somministrare la terapia decongestionante completa. I segni generali sono scomparsi dopo 7 giorni di terapia patogenetica, e il significativo miglioramento dei segni locali, con riduzione dell’edema, scomparsa del rossore locale, del dolore e di altri disturbi, nonché la capacità di muoversi senza dolore, ha evidenziato un’evoluzione positiva e un esito favorevole. Le dimissioni del paziente dopo 21 giorni di ricovero ospedaliero (dei quali 14 giorni trascorsi nella nostra clinica e 7 nel reparto di dermatologia) devono essere seguite da uno specifico trattamento ambulatoriale conservativo. Le misure combinate hanno richiesto il trattamento delle complicanze acute del linfedema, ottenendo un buon esito, nonostante l’assenza di un trattamento curativo per questa patologia. Il trattamento del linfedema include la dispensazione di consigli pratici, il drenaggio linfatico manuale, l’applicazione di bendaggi, l’auto-bendaggio, gli indumenti elastici a compressione, la cura della pelle e l’esercizio fisico, e a volte la chirurgia. La perdita di peso può essere utile in caso di obesità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail