Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2014 December;15(3) > Acta Phlebologica 2014 December;15(3):149-51

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Acta Phlebologica 2014 December;15(3):149-51

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Aneurisma della vena giugulare interna manifestatosi dopo un episodio di emesi

De Oliveira Góes Junior A. M. 1. 2, Monteiro Franco R. S. 1, De Campos Vieira Abib S. 2

1 University Center of Pará State (CESUPA), Belém, Brazil;
2 Federal University of São Paulo (UNIFESP), São Paulo, Brazil


PDF  


Gli aneurismi venosi veri si osservano raramente rispetto a quelli arteriosi; anche se possono colpire qualsiasi vena, gli aneurismi venosi del collo non sono comuni a causa della bassa pressione sanguigna nel sistema della vena cava. Oltre a essere rari, il 75% dei casi di aneurisma della vena giugulare sono diagnosticati nei bambini. Tali aneurismi si presentano nella maggior parte dei casi come masse cervicali morbide, indolori e comprimibili che si ingrandiscono durante la manovra di Valsalva. Poiché gli aneurismi della vena giugulare hanno un’incidenza così bassa, le linee guida per il trattamento non sono chiaramente definite, ma la maggior parte degli autori concorda sul fatto che se tali aneurismi sono sintomatici, si ingrandiscono o sono deturpanti, è indicato intervento chirurgico. Gli autori presentano l’insolito caso di un voluminoso aneurisma della vena giugulare interna in una donna di 40 anni di età. La paziente ha sviluppato un rigonfiamento cervicale che si è andato progressivamente ingrandendo dopo un episodio di emesi intensa verificatosi cinque anni prima. La massa si è ingrandita nel corso degli anni e quando la paziente durante la visita ha descritto disturbi estetici e la sensazione che il rigonfiamento “fosse sul punto di rompersi” durante le situazioni associate a un aumento della pressione venosa centrale. L’aneurisma è stato gestito mediante cervicotomia e legatura della vena giugulare; la paziente ha avuto un regolare recupero postoperatorio. Gli autori forniscono una breve review degli aspetti diagnostici e delle opzioni terapeutiche per questa malattia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail