Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2014 December;15(3) > Acta Phlebologica 2014 December;15(3):95-105

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Acta Phlebologica 2014 December;15(3):95-105

lingua: Inglese

Diagnosi differenziale delle anomalie vascolari degli arti inferiori: review

Amato B. 1, 2, Compagna R. 1, 2, Fappiano F. 1, Rossi R. 1, Amato M. 1, Grande R. 3, Butrico L. 3, De Franciscis S. 1, 3, Serra R. 1, 3

1 Interuniversity Center of Phlebolymphology (CIFL), International Research and Educational Program in Clinical and Experimental Biotechnology, University Magna Graecia of Catanzaro, Catanzaro, Italy;
2 Department of Clinical Medicine and Surgery, “Federico II” University of Naples, Naples, Italy;
3 Department of Surgical and Medical Science, University Magna Graecia of Catanzaro, Catanzaro, Italy


PDF  


OBIETTIVO: Le anomalie vascolari sono un gruppo eterogeneo di malattie che comprendono tumori vascolari e malformazioni vascolari e sono divise in lesioni a flusso veloce e lento flusso secondo la classificazione ISSVA. Specie se localizzate agli arti inferiori, esse danno origine a sovrapposizioni cliniche dato che si presentano con crescita asimmetrica eccessiva e coinvolgimento osseo, caratteristiche comuni in queste patologie.
METODI: I motori di ricerca PubMed, Scopus and ScienceDirect sono stati esplorati per la ricerca che ha utilizzato le seguenti parole chiave: Anomalie Vascolari, Tumori Vascolari, Malfomazioni Vascolari. I relativi testi in estenso sono stati scaricati ed analizzati.
RISULTATI: Dalla revisione della letteratura, è stata effettuata la descrizione delle differenze nella presentazione clinica e la diagnosi differenziale tra le diverse forme di malformazione vascolare.
CONCLUSIONI: È risultato fondamentale raggiungere una diagnosi precoce al fine di offrire la migliore gestione clinica dei pazienti e di evitare sprechi economici. Ciò è realizzabile attraverso un esame clinico corretto ed accurato accompagnati da un esame ultrasonografico e Doppler. Altre indagini, compresa la RMI che è la più efficace, devono essere usati con attenzione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail