Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2014 April;15(1) > Acta Phlebologica 2014 April;15(1):19-23

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2014 April;15(1):19-23

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Modulazione autonomica transvascolare, valutazione preliminare della sicurezza

Arata M., Debarge P.

Synergy Health Concepts, Newport Beach, CA, USA


PDF  


OBIETTIVO: Obiettivo del presente studio è stato quello di valutare la sicurezza della modulazione autonomica transvascolare (transvascular autonomic modulation, TVAM), un nuovo trattamento per migliorare la disfunzione del sistema nervoso autonomo (SNA) cardiovascolare.
METODI: Centoquarantaquattro pazienti con sintomi di disfunzione del SNA cardiovascolare sono stati sottoposti a TVAM. Il trattamento differiva dall’angioplastica con palloncino in quanto trattava le vene (vena giugulare interna, azigos e renale), a prescindere dalla presenza di anomalie vascolari. Il miglioramento nella funzione del SNA è stato stabilito determinando le modifiche nell’intervallo R-R durante la respirazione profonda, la manovra di Valsalva e il cambiamento posturale.
RISULTATI: Dopo l’intervento, i valori dell’intervallo R-R, inclusi MCR (P=0,1), rapporto E/I (P=0,1) e rapporto posturale 30:15 (P=0,01), erano più elevati nel gruppo sottoposto a TVAM rispetto al gruppo di controllo. Il profilo di sicurezza della procedura TVAM era simile a quello della tradizionale angioplastica con palloncino.
DISCUSSIONE: La TVAM si è dimostrata sicura da eseguire in un contesto di terapia ambulatoriale. I miglioramenti soggettivi sintomatici e nell’HRV sono incoraggianti; è tuttavia necessario condurre ulteriori studi sulla procedura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail