Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2013 Dicembre;14(3) > Acta Phlebologica 2013 Dicembre;14(3):93-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2013 Dicembre;14(3):93-7

lingua: Inglese

Ossimetria transcutanea e misurazione del dolore come indicatori di guarigione delle ulcere cutanee

Failla G. 1, Palumbo F. P. 2, Majani A. 1, Di Salvo M. M. 1

1 Unit of Angiology Vittorio Emanuele University Hospital, Catania, Italy;
2 Centro Vulnologico, Palermo, Italy


PDF  


Obiettivo. L’ossimetria transcutanea è una tecnica diagnostica non invasiva; il suo ruolo nel monitoraggio dell’ulcera cronica cutanea non è ancora stato definito. Scopo del presente studio è quello di confermare la presenza di una zona ischemica in sede periulcerosa la quale, dopo adeguata terapia, mostrerebbe un miglioramento dei valori di pressione parziale di ossigeno e di anidride carbonica. Il miglioramento dell’ossigenazione cutanea è correlato alla riduzione del dolore.
Metodi. Dieci pazienti sono stati randomizzati allo studio. Per ogni paziente è stata effettuata una valutazione ossimetrica basale sul dorso del piede e almeno due misurazioni in sede periulcerosa, ripetute a distanza di una settimana, dopo di terapia locale e farmacologica eseguite secondo la buona pratica clinica. Come parametro clinico è stata utilizzata la misurazione del dolore attraverso la somministrazione di una scala verbale numerica al tempo zero e dopo una settimana di trattamento.
Risultati. I risultati hanno confermato la validità della terapia combinata, farmacologica, compressiva e locale nella cura delle ulcere di varia eziologia (grado A di evidenza scientifica).
Conclusioni. Dai dati ossimetrici emerge la possibilità di valutare la condotta terapeutica posta in atto per poter eventualmente monitorarla, rivalutarla e correggerla. La riduzione del dolore è da interpretare come indice di miglioramento clinico, anch’esso correlato alla buona pratica clinica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail