Ricerca avanzata

Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2013 Aprile;14(1) > Acta Phlebologica 2013 Aprile;14(1):15-7

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici

Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Quadrimestrale

ISSN 1593-232X

Online ISSN 1827-1766

 

Acta Phlebologica 2013 Aprile;14(1):15-7

 REVIEW

Forze motrici della circolazione venosa negli arti inferiori

Recek C.

Retired, formerly Department of Surgery, University Hospital, Hradec Kralove, Czech Republic

L‘attività della pompa muscolare del polpaccio produce la forza che sospinge il sangue venoso degli arti inferiori contro la gravitazione verso il cuore; le valvole funzionanti delle vene impediscono il flusso retrogrado. Un gradiente di pressione si sviluppa tra le vene nelle cosce e gli arti inferiori durante l‘attività della pompa muscolare del polpaccio. Nella malattia delle vene varicose, il gradiente di pressione genera sia il reflusso venoso sia il processo che porta alla ricorrenza delle vene varicose dopo l‘abolizione del reflusso nella vena safena. Il reflusso venoso, cioè il flusso centrifugo all‘interno di un condotto venoso insufficiente che connette entrambi i poli del gradiente di pressione, è il principale fattore patologico nella malattia delle vene varicose: esso causa l‘ipertensione venosa ambulatoriale. Dopo l‘abolizione del reflusso all‘inguine, il gradiente di pressione è trasmesso nella coscia tra la vena femorale e il rimanente della vena grande safena e induce la formazione di nuove comunicazioni tra entrambi i sistemi venosi, conducendo in definitiva al reflusso ricorrente.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina