Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2012 August;13(2) > Acta Phlebologica 2012 August;13(2):101-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2012 August;13(2):101-3

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Epidemiologia e cura delle ulcere vascolari in Italia. Preview dei risultati dello studio SUV (AIUC Settembre 2012): breve rendiconto

Apollonio A. 1, Antignani P. L. 2, Di Salvo M. 3, Failla G. 3, Guarnera G. 4, Mosti G. 5, Ricci E. 6

1 Belcolle Hospital, Viterbo, Italy; 2 San Giovanni Hospital, Rome, Italy; 3 Vittorio Emanuele Hospital, Catania, Italy; 4 Immacolata Dermopathic Institute, Rome, Italy; 5 Barbantini Clinic, Lucca, Italy; 6 Casa di Cura San Luca, Turin, Italy


PDF  


Dal 2010 al 2011 è stato eseguito uno studio multicentrico osservazionale sullo stato epidemiologico delle ulcere vascolari (venose, miste, arteriose e diabetiche) degli arti inferiori in Italia. Lo studio, denominato SUV e promosso dall’AIUC, ha osservato 1163 pazienti in 58 centri sparsi in tutta Italia. I primi dati analizzati mostrano una leggera prevalenza di pazienti di sesso femminile (62%), di età media di circa 70 anni, con un’alta percentuale di comorbidità di ipertensione arteriosa (63,2%) e con prevalenza di ulcere ad eziologia venosa o mista arteriosa-venosa (circa 80% in totale). Le guarigioni osservate a tre mesi dall’inizio del trattamento variano in funzione della tipologia di ulcera trattata con un rapporto di riepitelizzazioni osservate che va dal 41 % nel caso delle ulcere venose al 26 % di quelle ad eziologia combinata. Nel caso delle ulcere venose, l’associazione della terapia farmacologica (sulodexide) e terapia locale mostra un significativo aumento dell’incidenza delle guarigioni rispetto all’uso della sola terapia locale, confermando l’importanza della terapia combinata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail