Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2012 April;13(1) > Acta Phlebologica 2012 April;13(1):9-17

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2012 April;13(1):9-17

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Monitor 2010: studio epidemiologico italiano sui disturbi venosi cronici

Agus G. B. 1, Mattana P. 2, Carelli F. 3

1 Vascular Surgery and Angiology Section, Department of Specialist Surgical Sciences, University of Milan, Milan, Italy; 2 Medical Service, Alfa Wassermann, Bologna, Italy; 3 Family Medicine Courses, University of Milan, Milan, Italy


PDF  


Obiettivo. L’ampia diffusione della malattia venosa cronica (MVC) è stata confermata da numerosi studi epidemiologici in tutto il mondo. La costante conoscenza dei principali fattori di rischio e degli attuali frequenze di segni e sintomi potrebbero contribuire alla prevenzione ed al controllo della MVC. Per queste ragioni, il Progetto Italiano Nautilus (www.nautilussalute.com) ha organizzato una campagna osservazionale, chiamata Monitor, per studiare la MVC nell’attuale popolazione italiana, usando i criteri classificatori CEAP.
Metodi. Una studio osservazionale trasversale è stato eseguito da medici italiani, prevalentemente medici di medicina generale (MMG) sotto forma di survey con un questionario contenente la richiesta di dati epidemiologici, fattori di rischio, segni e sintomi, di pazienti affetti da MVC. I dati sono stati raccolti dai medici da aprile a settembre 2010, quindi analizzati tramite statistica descrittiva standard.
Risultati. L’indagine è stata eseguita da 1033 medici. Un totale di 11704 pazienti sono stati monitorati (78,4% femmine). Il fattore di rischio più rilevante è risultato essere l’ortostatismo prolungato nei maschi e la gravidanza per la popolazione femminile. La valutazione dei segni conferma la prevalenza delle vene varicose e dell’edema tra gli uomini e teleangectasie, vene varicose ed edema tra le donne. In entrambi i sessi, iperpigmentazione ed ulcere aumentano significativamente con l’età. Per quel che riguarda la sintomatologia degli arti inferiori, alta frequenza di gonfiore, pesantezza e dolore è confermata in entrambi i sessi, mentre il prurito ed i crampi notturni sembrano aumentare nelle donne con l’aumento dell’età. Infine, un’interessante correlazione tra pregressa trombosi, reflusso venoso e segni e sintomi della MVC, è stata riscontrata.
Conclusioni. I risultati dell’indagine ci hanno fornito un quadro aggiornato della situazione della MVC in Italia. Questi dati potrebbero essere importanti per migliorare, prevenzione, diagnosi e approccio terapeutico di tale patologia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail