Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2011 Agosto;12(2) > Acta Phlebologica 2011 Agosto;12(2):99-103

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2011 Agosto;12(2):99-103

lingua: Inglese

Trattamento al laser ND:YAG laser 1064 nm in varici reticolari degli arti inferiori

Colaiuda S., Brandi C., Grimaldi L., Colaiuda F., D’Aniello C.

Plastic and Reconstructive Surgery Operative Unit University of Siena, Siena, Italy


PDF  


Obiettivo. Il presente lavoro si propone di valutare l’efficacia del laser Nd:Yag 1064 nm nel trattamento delle varici reticolari degli arti inferiori.
Metodi. Sono state trattate 50 pazienti di sesso femminile con età compresa tra 25 e 65 anni affette da varici reticolari degli arti inferiori. È stato condotto uno screening clinico preventivo per individuare eventuali disordini della coagulazione o altre patologie di interesse cardiovascolare, ed esame Doppler degli arti inferiori per escludere patologie da safena incontinente. Sono stati eseguiti 5 trattamenti ambulatoriali con laser Nd:Yag 1064 nm ogni 30 giorni (Palomax Lux 1064). Nella prima seduta di trattamento è stato utilizzato uno spot di 6 mm di diametro con energia 140 J/cm2 e durata dell’impulso 40 msec; nella seconda e terza seduta è stato utilizzato uno spot di 3 mm di diametro con energia 350 J/cm2 e durata dell’impulso 30 msec; nella quarta e quinta seduta è stato utilizzato uno spot di 1,5 mm di diametro con energia 550 J/cm2 e durata dell’impulso 20 msec.
Risultati. Si è osservata una riduzione dell’estensione del reticolo venoso pari al 80% rispetto a quella iniziale dopo 3 sedute di trattamento in 36 casi, ed una riduzione pari al 90% rispetto a quella iniziale dopo 5 sedute in 32 casi.
Conclusioni. L’azione del laser Nd:Yag 1064 nm si è dimostrata particolarmente efficace nel trattamento non invasivo delle varici reticolari degli arti inferiori, consentendo una tecnica di intervento di tipo ambulatoriale, ottimamente tollerata dalle pazienti. Sono tuttavia necessari ulteriori studi per la conferma dei risultati ottenuti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail