Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2011 Agosto;12(2) > Acta Phlebologica 2011 Agosto;12(2):83-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2011 Agosto;12(2):83-9

lingua: Inglese

Qualità di vita dopo scleroterapia eco-guidata con schiuma in pazienti anziani affetti da IVC severa ed invalidante

Gallucci M., Antignani P. L., Allegra C.

Department of Angiology, San Giovanni Hospital, Rome, Italy


PDF  


Obiettivo. L’aumento dell’età media della popolazione generale ha determinato un continuo incremento dell’incidenza dell’insufficienza venosa cronica (IVC) grave tra I soggetti anziani con gravi ripercussioni sulla qualità di vita in questi pazienti, che frequentemente rifiutano e/o presentano controindicazioni all’intervento chirurgico (stripping, procedura di Linton, SEPS). La scleroterapia eco-guidata con schiuma sembrerebbe essere l’alternativa più promettente alla chirurgia essendo mini-invasiva, con ridotti costi e favorevole profilo di sicurezza. L’obiettivo di questo studio era di valutare se la scleroterapia con schiuma migliori le condizioni cliniche e la qualità di vita di questi pazienti.
Metodi. Quarantanove pazienti (39 F-10 M) con un’età media di 74,3 anni (range 70-84) affetti da IVC allo stadio clinico C4-C6 (CEAP) sono stati trattati con scleroterapia con schiuma tra il mese di gennaio 2006 e gennaio 2009. Venti pazienti soffrivano di varici primarie della vena safena interna o esterna e 29 di recidiva di vene varicose precedentemente trattate con stripping e/o di vene perforanti insufficienti. Tutti i pazienti sono stati valutati prima e dopo il trattamento (6‑12-24-36-48 mesi) con il “Venous Severity Score System” (VCSS e VDS), il questionario SF12 sulla qualità di vita, la visita clinica e l’ecocolordoppler. Al fine di valutare l’efficacia del trattamento con scleroterapia con schiuma delle vene varicose, è stato ulitizzato il documento proposto da F.X. Breu. Diciassette pazienti (34,6%) soffrivano di ulcerazione dell’arto mono- o bilaterale (stadio C6) con una durata media dell’ulcerazione attiva di 3,6 anni (range 3 mesi-12 anni) con grave disabilità fisica e scarsa qualità di vita
Risultati. Durante il follow-up di 6-48 mesi (media 22,3 mesi), I sintomi sono migliorati o scomparsi in tutti I pazienti. La guarigione delle ulcere si è verificata in 12 pazienti (70,5 %) con una durata media del trattamento medico di 2,7 mesi. Il VCSS era ridotto da 12,7 (prima del trattamento) a 4.3 (dopo il trattamento) P<0,001 e il Venous Disability Score (VDS) si è modificato dal valore di partenza di 2,1 a 0,8 (dopo il trattamento) P<0,001. relativamente alle vene varicose trattate, si è avuto il successo completo in 44 pazienti (89,8%),un successo parziale in 4 pazienti (8,2%) e un insuccesso (2%). L’analisi statistica del questionario SF12 (Wilcoxon test), compilato prima del trattamento e durante il follow-up (6-48 mesi), ha dimostrato un miglioramento della qualità di vita del gruppo trattato sia da un punto di vista fisico che mentale (PCS-12 P<0,001) (MCS-12 P=0,018). Non si sono verificati effetti collaterali maggiori o minori.
Conclusioni. Tutti i pazienti hanno espresso la loro gratitudine ed un elevato livello di soddisfazione per il miglioramento clinico e la risoluzione del dolore da ulcera dopo il trattamento. Anche i pazienti con successo parziale hanno riportato un significativo miglioramento delle loro condizioni cliniche ed estetiche. Nei 5 casi di mancata o incomplete guarigione dell’ulcera, I pazienti soffrivano di ulcere da più di 3 anni, indotte e mantenute da una cronica microangiopatia da stasi venosa; la tardiva eliminazione dell’ipertensione venosa causata dal reflusso valvolare non ha permesso un trattamento efficace di questi casi. In conclusione, la scleroterapia eco-guidata con schiuma permette di guarire e migliorare la qualità di vita di pazienti anziani solitamente riluttanti all’intervento chirurgico, con risultati significativi sia dal punto di vista psicologico che sociale

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail