Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2010 Aprile;11(1) > Acta Phlebologica 2010 Aprile;11(1):5-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Acta Phlebologica 2010 Aprile;11(1):5-10

lingua: Inglese

Pazienti affetti da sintomi correlati alla patologia venosa cronica senza segni clinici: prevalenza e ipotesi fisiopatologiche

Allegra C., Antignani P. L.

Department of Angiology, San Giovanni Hospital, Rome, Italy


PDF  


I pazienti affetti da patologia venosa cronica sono pazienti che presentano cosiddetti sintomi e/o segni di patologia venosa che caratterizzano ciascuna classe clinica di patologia venosa cronica nella classificazione CEAP, dalla classe C0 alla classe C6. I sintomi solitamente ascritti alla patologia venosa cronica includono dolore, senso di pesantezza, senzazione di gonfiore, crampi, prurito, formicolio, e gambe “senza riposo”. La classe clinica C0s della classificazione CEAP comprende quei pazienti che presentano sintomi correlati con patologia venosa cronica ma senza segni visibili. Nonostante questo profilo di pazienti sia riconosciuto in una classificazione accettata universalmente, la loro prevalenza non è mai stata definita in modo chiaro in studi epidemiologici. In Italia questo argomento ha destato l’interesse di numerosi gruppi di ricercatori sin dagli anni ‘80, e si sono fatti numerosi sforzi per spiegare la fisiopatologia di tale condizione. Sembrerebbe che questa condizione clinica si verifichi a causa di fattori di rischio e attraverso modifiche emodinamiche nel flusso venoso con la comparsa di segni iniziali di reflusso. Questa condizione clinica è stata pertanto considerata una sindrome prevaricosa con alterazioni funzionali, in cui coesistono la stasi del microcircolo e alterazioni ormonali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail