Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2009 August;10(2) > Acta Phlebologica 2009 April;10(2):55-61

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2009 April;10(2):55-61

lingua: Inglese

L’acqua termale di Alloch applicata su edemi ed ulcere degli arti inferiori

Bucci S. 1, Lui P. 2

1 Direttore Sanitario Terme di Dolomia , Loc. Antico Bagno Pozza di Fassa (TN), Direttore Sanitario dell’Ospedale Pellegrino, C Castiglione delle Stiviere (MN)
2 Dermatologo Specialista, Ambulatorio Sumai Ospedale Carlo Poma (MN), Docente Wound Care


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro è quello di valutare l’attività di un’acqua termale ricca di sali minerali applicata sugli edemi e sulle lesioni ulcerative degli arti inferiori.
L’azione della acque termali è in base alle loro caratteristiche chimico fisiche. L’azione benefica dell’acqua sulla stasi venosa e linfatica degli arti è ben nota.
Metodi. Attraverso lo studio capillaroscopico è possibile monitorare l’efficacia di numerose terapie vasoattive. Anche nel termalismo l’uso di questo strumento può aiutarci a capire l’utilità o meno dei trattamenti.
Gli strumenti usati sono:
— eco-color-doppler (Esaote) con sonda da 7,5 Mherz;
— fotofinder dermoscope capillaroscopio (videodermatoscopia digitale).
I pazienti sono stati divisi in due gruppi:
— Pazienti con problemi di edemi linfo-venosi
— Pazienti con problemi di ulcere perimalleolari
Risultati. Negli edemi linfo-venosi possiamo dire che il beneficio sia in termini di diminuzione del gonfiore, sia per quanto riguarda il deposito di sostanze pericapillari dà un giovamento momentaneo e che tutto tende a tornare come prima nell’arco dei tre mesi.
Per i pazienti portatori di ulcere abbiamo tratto le seguenti considerazioni: l’acqua termale ha comportato una valida detersione della necrosi fibrinoide ed una riduzione dell’essudato. In tutti i casi la risposta migliore si è avuta sulla lesione essudante con miglioramenti visibili della cicatrizzazione.
Conclusioni. Questo studio ha evidenziato che l’acqua termale solfo-calcio-magnesio-fluorurata si è comportata con una reattività sempre presente e ben definibile.
Ci sembra di poter dire che nella fase essudativa la detersione con acqua termale ha una valida azione di diminuzione dell’essudato . Riteniamo che possa essere usata in associazione ad altre medicazioni avanzate per rafforzarne la validità ed il processo di cicatrizzazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail