Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2008 December;9(3) > Acta Phlebologica 2008 December;9(3):105-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

IL PUNTO SU ...  


Acta Phlebologica 2008 December;9(3):105-7

lingua: Inglese

Abolizione del reflusso safeno-femorale con una procedura non-safenica e struttura anatomica del reflusso

Passariello F.

Diagnostic Center “Aquarius”, Naples, Italy


PDF  


Obiettivo. Di recente, sono state proposte alcune ipotesi sull’origine delle vene varicose. In accordo con esse, una procedura non-safenica con schiuma è efficace nell’abolizione del reflusso, la cui persistenza è limitata a una piccola percentuale dei casi trattati.
Metodi. Sono state effettuate due simulazioni emodinamiche teoriche per rappresentare adeguatamente questa condizione emodinamica. Il reflusso safeno-femorale può essere classificato secondo Teupitz in due tipo di shunt: ShI and ShIII. L’asportazione delle varicosità della rete superficiale non-safenica può ottenere l’interruzione degli ShIII e ShVI, ma in nessun modo degli ShI. Per cui, se il reflusso principale è uno ShI, il reflusso safeno-femorale non scompare dopo la flebectomia.
Risultati. Lo studio accurato della cartografia del paziente rende più facile e precisa la scelta della strategia chirurgica.
Conclusioni. A seconda della struttura del reflusso e tenendo in considerazione i soliti risultati immediati, l’asportazione della safena interna può talvolta risolvere completamente la patologia varicosa, mentre in altri casi è completamente insoddisfacente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail