Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2005 December;6(3) > Acta Phlebologica 2005 December;6(3):125-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Acta Phlebologica 2005 December;6(3):125-8

lingua: Inglese

Nuovi apparati per il drenaggio linfatico meccanico in associazione alle terapie per il trattamento del linfedema.

Pereira de Godoy J. M. 1, de Fátima Guerreiro Godoy M. 2

1 Departament of Cardiology and Vascular Surgery of Medical School of São José do Rio Preto-São Paulo-Brazil;
2 Clinic Godoy, São José do Rio Preto-São Paulo-Brazil


PDF  


OBIETTIVO: I principi concettuali dell’idraulica, dell’anatomia e della fisiologia hanno consentito la creazione di un apparato che a sua volta origina da un nuovo concetto di linfodrenaggio meccanico. Questo apparato riproduce i movimenti fisiologici del drenaggio linfo-venoso, migliorando il suo ritorno. Il dispositivo è stato utilizzato sia per il trattamento nella pratica clinica sia per quello a domicilio.
METODI: Il trattamento a domicilio ha riguardato 10 pazienti che hanno utilizzato lo strumento per 10-12 mesi, assieme a bendaggi e all’autoapplicazione di massaggi linfodrenanti. I pazienti sono stati valutati all’inizio del trattamento e quindi ogni due mesi dal gruppo responsabile dello studio. Dal momento che i pazienti erano sparsi su un ampio territorio, un fisioterapista locale, che era stato addestrato dal team medico, ha seguito i pazienti settimanalmente per i primi due mesi e quindi ogni due settimane.
RISULTATI: Tutti i pazienti hanno aderito al trattamento e i risultati clinici sono stati migliori con l’utilizzo del dispositivo, sia in termini di aderenza al trattamento che in relazione alle riduzioni antropometriche. Dal punto di vista clinico la riduzione volumetrica e antropometrica è stata maggiore rispetto a quella ottenuta con il solo linfodrenaggio manuale, quando eseguito per 3 mesi per 3 ore al giorno.
CONCLUSIONI: In conclusione, il linfodrenaggio meccanico è uno strumento che facilita il trattamento del linfedema, migliorando i risultati clinici e l’adesione del paziente al trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail