Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2002 December;3(3) > Acta Phlebologica 2002 December;3(3):137-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ORIGINAL ARTICLES  


Acta Phlebologica 2002 December;3(3):137-9

lingua: Inglese

Transdermal laser treatment with fiber of reticular veins and of the first- and the second-order collateral veins using a mixed endovascular and paravascular technique. Preliminary experience

Pepe N. R., Meloni V.

Department of Surgical Sciences and Applied Medical Technologies “F. Durante”, “La Sapienza” University, Rome, Italy


PDF  


Gli Autori, a seguito dell’esperienza maturata nel trattamento endovascolare delle safene interne ed esterne, estendono l’uso della fibra laser alle perforanti e alle vene reticolari rifornenti le teleangectasie. Attraverso la fibra viene portata principalmente l’energia termica e secondariamente la radiazione laser, selettiva sul cromoforo desossi-emoglobinico, direttamente dove occorre senza dovere oltrepassare la cute con i relativi problemi: riduzione della radiazione per diffrazione e cessione di energia termica con conseguenti effetti termici collaterali. Viene esposta la tecnica che risulta semplice e sostanzialmente non chirurgica. In 18 mesi sono stati trattati 45 pazienti.
I vantaggi sono individuabili nella semplicità di esecuzione, nell’azione che è termica e non chimica e nell’assenza di matting. Gli svantaggi sono dovuti al costo del laser e della fibra.
Sebbene la casistica sia ancora insufficiente e il follow-up ancora esiguo, i risultati promettenti ci spingono ad applicarla più frequentemente nel futuro, studiando dosaggi ed indicazioni più estese.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail