Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2002 Dicembre;3(3) > Acta Phlebologica 2002 Dicembre;3(3):125-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ORIGINAL ARTICLES  


Acta Phlebologica 2002 Dicembre;3(3):125-30

lingua: Italiano, Inglese

Valutazione dell’impatto sulla qualità della vita di un trattamento compressivo con calza elastica di classe I

Arpaia G. 1, 2, Mastrogiacomo O. 1, 2, Peliccioni E. 3, Scondotto G. 3, Cimminiello C. 1

1 Vascular Unit, 2nd Department of Medicine, Civil Hospital, Vimercate-Milano, Italy;
2 Research Centre of Compression Therapy, “CIZETA Medicali”, Cuggiono-Milano, Italy;
3 Angiology Service and Day Hospital Poliambulatorio “Mengoli”, Bologna, Italy


PDF  


OBIETTIVO: Il problema della “compliance” alla terapia compressiva rappresenta uno dei principali ostacoli alla sua applicazione pur essendo questa la terapia medica più efficace per le malattie venose. Nel mondo occidentale il 30% degli uomini ed il 50% delle donne possono essere definiti flebopatici, considerando questa malattia in tutte le sue espressioni cliniche e sintomatologiche, ma una ricerca italiana ha dimostrato che solo il 25% di questi riceve una prescrizione di terapia compressiva e l’adesione al trattamento complessivamente raggiunge solo il 70%. Le cause sono molteplici: il clima caldo, la difficoltà a indossare una calza elastica, l’indisponibilità di taglie corrette, il costo sempre a carico del paziente.
METODI: Nella nostra esperienza lo studio di una nuova linea di calze terapeutiche, secondo i dettami GGG-RAL, è iniziato con la misurazione di arti inferiori di flebopatici afferiti a un ambulatorio di Angiologia Medica; successivamente sono state elaborate nuove tabelle di vestibilità partendo da questo pool di dati antropometrici, quindi è stata prodotta una linea di calze che le rispettasse, utilizzando filati con caratteristiche di indossabilità e traspirazione avanzate.
Lo studio è stato condotto arruolando 50 pazienti consecutivi affetti da insufficienza venosa cronica (IVC) in classe CEAP 0, 1, 2,3 cui venivano fornite calze elastiche di classe I di compressione, valutando la adesione al trattamento, gli effetti sulla sintomatologia mediante scale di valutazione numerica ed analogica e quelli sulla “Quality of Life” (QL) con questionario SF36 per un periodo di 2 mesi.
RISULTATI: La “compliance” è stata dell’80%, le scale sintomatologiche hanno confermato l’efficacia clinica del trattamento che si è evidenziata già dopo i primi 30 giorni.
CONCLUSIONI: L’impatto sulla quality of life ha dimostrato miglioramento dei valori percentuali medi pur in assenza di significatività statistica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail