Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2002 December;3(3) > Acta Phlebologica 2002 December;3(3):117-23

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ORIGINAL ARTICLES  


Acta Phlebologica 2002 December;3(3):117-23

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Quality of life of patients with chronic venous insufficiency. Impact of medical treatment

Lozano F. S. 1, Jiménez-Cossio J. A. 2

1 Vascular Surgery Department, Salamanca Hospital, Salamanca, Spain; 2 Vascular Surgery Department, “La Paz” Hospital, Madrid, Spain


PDF  


OBIETTIVO: Al fine di determinare l’efficacia di un farmaco nel trattamento dell’insufficienza venosa cronica, è importante fornire una valutazione non soltanto dei sintomi e dei segni associati alla malattia, ma anche dell’evoluzione della qualità della vita del paziente. Il questionario CIVIQ sulla qualità della vita (validato in spagnolo sul modello originale francese) costituisce un valido strumento per la valutazione della risposta dei pazienti al trattamento sia nella pratica clinica che negli studi clinici.
METODI: È stato condotto uno studio clinico epidemiologico in aperto, di tipo prospettico, e multicentrico. Sono stati inclusi in totale 482 pazienti affetti da insufficienza venosa cronica (CEAP 0-4). Dopo un periodo di wash-out, i pazienti sono stati trattati con un flavonoide micronizzato (Daflon 500, 2 capsule pro die) per 6 mesi. I seguenti parametri sono stati analizzati nel corso di visite di follow-up fissate dopo 60, 120 e 180 giorni: sintomi clinici (grado di dolore misurato su una scala analogica visiva, gonfiore, pesantezza e crampi), perimetro del polpaccio (mediante Leg-O-Meter®) e qualità della vita (questionario CIVIQ).
RISULTATI: Il farmaco utilizzato (Daflon 500 per 6 mesi) ha determinato un miglioramento in tutti i sintomi analizzati (p<0,001), una riduzione del perimetro malleolare (p<0,001) e un miglioramento della qualità della vita di questi pazienti (p<0,001).
CONCLUSIONI: Al termine dello studio, il punteggio della qualità della vita dei pazienti ha riportato un incremento di 10,3 unità (da 66,4±18,5 a 76,7±18,2).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail