Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2002 August;3(2) > Acta Phlebologica 2002 August;3(2):95-100

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ORIGINAL ARTICLES  


Acta Phlebologica 2002 August;3(2):95-100

lingua: Inglese

Treatment of leg ­ulcers ­with allo­graft ­skin

Mancini S.

Institute of General Surgery and Surgical Specialties, Phlebo-lym­pho­log­ic Centre, University of Siena, Siena


PDF  


OBIETTIVO: Valutare l’efficacia della cute omologa nel trattamento delle ulcere degli arti inferiori ad etiopatogenesi multipla.
METODI: Dall’aprile del 2000 al luglio 2002 sono stati selezionati con metodo randomizzato 99 pazienti, 65 di sesso femminile e 34 di sesso maschile con età media di 70,7 anni. Delle 161 ulcere trattate 33 avevano un’etiopatogenesi venosa, 21 arteriosa, 50 mista, 12 diabetica, 27 traumatica, 5 da sindrome post-tromboflebitica del sistema profondo (SPTF), 1 displastica, 3 neoplastica, 5 neurologica, 3 iatrogena ed 1 sclerodermica. Il trapianto di cute omologa è stato effettuato dopo currettage chirurgico in anestesia locale. Sono stati effettuati 356 innesti omologhi utilizzando 144 volte il derma de-epidermizzato (DED), 180 volte la cute glicerolizzata fine, 29 volte la cute crioconservata fine e 3 volte la glicerolizzata spessa. In 13 pazienti è stato eseguito un innesto di cute autologa ed 8 volte l’innesto a meshgraft misto secondo la tecnica di Alexander.
RISULTATI: Su 161 ulcere ad etiologia multipla abbiamo ottenuto una guarigione in 72 ulcere (44,7%) e 25 (15,5%) sono uscite dal trattamento. Attualmente sono ancora in terapia 64 ulcere (39,8%) di cui 4 sono in chiusura, 41 hanno presentato un netto miglioramento, 14 non hanno avuto ancora nessun beneficio e 5 sono all’inizio della terapia. Nel 95% dei casi si è registrato la scomparsa del dolore. Solo in 9 casi (2,5%) si è avuto infezione delle cute trapiantata. Non si sono registrate reazioni di rigetto dell’innesto omologo.
CONCLUSIONI: Gli innesti di cute omologa si sono dimostrati efficaci in tutti i tipi di ulcere.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail