Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2002 August;3(2) > Acta Phlebologica 2002 August;3(2):69-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ACTA PHLEBOLOGICA

Rivista sulle Malattie delle Vene e dei Linfatici


Official Journal of the Italian College of Phlebology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ORIGINAL ARTICLES  


Acta Phlebologica 2002 August;3(2):69-73

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Influence of elastic compression on venous return in athletes

Arpaia G. 1, Mastrogiacomo O. 1, Pelicioni E. 2, Aloisi D. 2, Grassi F. 3, Oliverio T. 4, Ponte E. 4, Scondotto G. 2, Cimminiello C. 1

1 Vascular Unit of Medicine 2 Department, Ospedale Civile, Vimercate (Milano); 2 Angiology Service and Day Hospital Mengodi, Bologna; 3 Angiology Department, S. Camillo Hospital, Roma; 4 Angiology Unit, Trieste University, Trieste


PDF  


La cir­co­laz­i­one veno­sa neg­li atle­ti può ­essere affet­ta da una Sindrome da Iperafflusso che può cau­sare ecta­sia veno­sa ed è deter­min­a­ta ­dall’aumento pro­lun­ga­to del­la pres­sione intra­ad­dom­i­nale e torac­i­ca ­durante lo sfor­zo. Sono dis­po­nib­i­li ­solo ­pochi stu­di sug­li effet­ti di una com­pres­sione elas­ti­ca sul­la dinam­i­ca veno­sa in atle­ti sen­za evi­den­za di patol­o­gie fle­bol­o­giche. In pic­cole ­serie di altle­ti prati­can­ti cor­sa ­breve, mez­za mar­a­to­na e ten­nis, con met­o­diche reo­gra­fiche, ple­tis­mog­ra­fiche ed eco-dop­pler è sta­to evi­den­zi­a­to un più rapi­do «svu­ot­a­men­to» del sis­te­ma veno­so super­fi­ciale ­dopo ­attività fis­i­ca. Scopo del nos­tro stu­dio è sta­to quel­lo di verif­i­care gli effet­ti emod­i­nam­i­ci «in acu­to» di un gam­ba­let­to di I ­classe di com­pres­sione (Varisan Top – Cizeta Medicali), ­sull’emodinamica veno­sa in 38 atl­le­ti. (29 mas­chi, 9 fem­mine), med­i­ante Reografia a Luce Riflessa. Il refill­ing ­time, il T1/2, il T90 ed il Delta R ­sono sta­ti i para­me­tri uti­liz­za­ti per il con­fron­to. Ogni ­arto è sta­to con­sid­e­ra­to una «­unità fun­zi­o­nale» separ­a­ta e per­tan­to ­l’analisi dei ­dati è sta­ta ese­gui­ta dui ­dati rel­a­ti­vi a 76 ­arti. È sta­ta dimos­tra­ta una sig­nif­i­ca­ti­va ridu­zi­one del Refilling Time quan­do le mis­uraz­i­o­ni sia­no ­state effet­tu­ate con la cal­za indos­sa­ta. In con­clu­sione sem­bre­rebbe evi­den­zi­ar­si un effet­to emodi­nam­i­co eser­ci­ta­to da una cal­za di I ­classe di com­pres­sione sul cir­co­lo veno­so di atle­ti sen­za evi­den­za clin­i­ca o stru­men­tale di fleb­o­pa­tia. Precedenti osser­vaz­i­o­ni, ­ancorché su pic­co­li ­numeri sug­ger­i­co­no che gli effet­ti non sia­no favore­vo­li ­solo ­sull’emodinamica ma ­anche sul metab­o­lis­mo mus­co­lare con pos­sib­i­li riper­cus­sioni sul­la per­for­mance atlet­i­ca.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail