Home > Journals > Minerva Pneumologica > Past Issues > Minerva Pneumologica 2010 March;49(1) > Minerva Pneumologica 2010 March;49(1):17-23

CURRENT ISSUE
 

ARTICLE TOOLS

Reprints

MINERVA PNEUMOLOGICA

A Journal on Diseases of the Respiratory System


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEWS  


Minerva Pneumologica 2010 March;49(1):17-23

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

language: English

Endobronchial ultrasound and lung cancer staging. A systematic review and “How To Do It” analysis

Kyriakoudi A., Zias N.

Endobronchial ultrasound (EBUS) is a new diagnostic tool that can identify enlarged mediastinal lymph nodes and combined with transbronchial needle aspiration (TBNA) can provide tissue samples of these suspicious lesions eliminating the need for mediastinoscopy or other more invasive procedures. EBUS-TBNA and complimentary endoscopic ultrasound fine needle aspiration can screen and sample all the mediastinal lymph nodes in an outpatient setting providing fast and accurate diagnosis of metastatic lymph nodes. This is highly valuable for lung cancer staging especially for non-small cell lung cancer (NSCLC) when the decision for surgery is based at large on the lymph node classification. The procedure (EBUS-TBNA) is safe, cost effective and with high specificity, sensitivity and accuracy. An experienced bronchoscopist can rely on the results of the EBUS-TBNA procedure but the true learning curve of a naïve operator can be reached when up to 40 procedures have been performed under guidance. We encourage the use of this new technique as a minimal invasive method to identify mediastinal diseases but most often to stage patients with primary NSCLC.


PDF  


Gli ultrasuoni endobronchiali (endobronchial ultrasound, EBUS) rappresentano un nuovo strumento terapeutico in grado di identificare i linfonodi allargati del mediastino e che, in combinazione con l’aspirazione transbronchiale tramite ago sottile (transbronchial needle aspiration, TBNA) possono fornire campioni tissutali di queste lesioni sospette eliminando la necessità dell’utilizzo della mediastinoscopia o di altre procedure più invasive. Gli EBUS-TBNA e l’aspirazione tramite ago sottile guidata da ultrasonografia endoscopica (endoscopic ultrasound fine needle aspiration, EUS-FNA) possono identificare e testare tutti i linfonodi a livello del mediastino nella valutazione di un paziente ambulatoriale fornendo una diagnosi veloce ed accurata dei linfonodi del mediastino. Questa è una risorsa molto preziosa per lo staging del cancro al polmone specialmente per quello non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) per il quale la decisione di procedere con una terapia chirurgica è basata in generale sulla classificazione dei linfonodi. La procedura (EBUS-TBNA) è sicura, efficace dal punto di vista dei costi e caratterizzata da un’alta specificità, sensibilità ed accuratezza. Un tecnico di broncoscopia esperto può contare sul risultato di una procedura EBUS-TBNA, mentre un operatore alle prime armi raggiunge un reale apprendimento della tecnica una volta praticate 40 procedure sotto la sorveglianza di una guida esperta. Incoraggiamo l’uso di questa nuova tecnica come metodo poco invasivo per identificare le patologie a livello del mediastino, ma ancora di più per effettuare lo staging dei pazienti con NSCLC primario.

top of page

Publication History

Cite this article as

Corresponding author e-mail