Home > Journals > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Past Issues > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2017 June;31(2) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2017 June;31(2):147-51

CURRENT ISSUE
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Reprints

MR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

SIMFER Journal for Professional Training, Information and Updating

 

ARTICOLO ORIGINALE  FREEfree


MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2017 June;31(2):147-51

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

language: Italian

Efficacia di un training del cammino con tecnologia robotica per l’arto inferiore (G-Eo System) in pazienti affetti da ictus in fase cronica: studio pilota

Nicoletta BERGAGLIO 1 , Antonella FOCACCI 1, Valeria LEONI 1, Francesca CARDINALE 2, Luciano CONTRINO 1

1 S.C. Medicina Fisica e Riabilitativa, Azienda Sanitaria Locale 4 Chiavarese, Sestri Levante, Genova, Italia; 2 Direzione Medica di Presidio, Azienda Sanitaria Locale 4 Chiavarese, Lavagna, Genova, Italia


FULL TEXT  


Scopo primario del nostro studio è stato quello di valutare gli effetti di un training del cammino con tecnologia robotica in soggetti affetti da ictus in fase cronica, anche al fine di definire un eventuale protocollo di trattamento ed identificare il paziente “candidabile”. 20 soggetti sono stati sottoposti a un training con G-EO System (10 sedute a frequenza bisettimanale) e a due valutazioni, pre- e post-trattamento. I parametri di allenamento sono stati stabiliti e modificati sulla base della prestazione motoria del singolo soggetto. In un’analisi per sottogruppi abbiamo distinto i pazienti sulla base della gravità della compromissione deambulatoria e del raggiungimento dei valori della “Minimal Detectable Change” (MDC) e della “Minimal Clinically Important Difference” (MCID) ai test del cammino. Nella nostra serie di casi, il trattamento robotico con G-EO System ha prodotto un miglioramento significativo delle prestazioni registrate ai test del cammino ed un incremento altrettanto significativo della performance motoria e della quantità di lavoro. Nell’analisi per sottogruppi abbiamo osservato che i pazienti più compromessi dal punto di vista deambulatorio e motorio beneficiano maggiormente del trattamento e che, pur non potendo validare pienamente l’esistenza di una correlazione tra parametri di allenamento ed efficacia, un tempo totale di allenamento di 200 minuti può essere proposto come target di riferimento. In conclusione riteniamo che per la realizzazione di un trattamento da ritenersi efficace, la selezione del paziente candidabile e la personalizzazione del training siano fondamentali e più rilevanti dell’individuazione di un protocollo standard.


KEY WORDS: Riabilitazione robotica - Allenamento - Ictus - Cammino

top of page

Publication History

Issue published online: July 14, 2017
Manoscritto accettato: 28 febbraio 2017
Manoscritto ricevuto: 10 gennaio 2017

Cite this article as

Corresponding author e-mail

nicolettabergaglio@yahoo.it