Home > Journals > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Past Issues > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 June;24(3) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 June;24(3):36-42

CURRENT ISSUEMR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

SIMFER Journal for Professional Training, Information and Updating

 

ARTICOLI ORIGINALI  


MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 June;24(3):36-42

language: Italian

Il contributo del team riabilitativo nella diagnosi di idrocefalo post-emorragico e relativa indicazione al trattamento di shunt

Colli G., Lombardi F., Brianti R., Vezzosi G.

Riabilitazione Intensiva Neurologica, Ospedale di Correggio, AUSL RE, Reggio Emilia, Italia


FULL TEXT  REPRINTS


Obiettivo. L’idrocefalo post-emorragico è una possibile complicanza di emorragia subaracnoidea o intraventricolare di origine post-traumatica o spontanea.Tale complicanza si associa a prognosi riabilitativa sfavorevole certa e ad un’amplificazione delle lesioni primarie a carico della sostanza bianca a meno che non si intervenga tempestivamente con un intervento di derivazione ventricolo-peritoneale.
Metodi. Con lo scopo di verificare i criteri che guidano le scelte dei neurochirurghi e di valutare l’andamento dei pazienti operati di shunt è stata eseguita un’analisi retrospettiva di 20 pazienti con diagnosi di idrocefalo probabile ricoverati dal 2000 al 2005 presso il reparto di riabilitazione intensiva neurologica dell’ospedale di Correggio (RE) e trattati con
derivazione ventricolare. Questo studio ha mostrato un’importante variabilità di gestione clinica dell’idrocefalo in
termini di tempi tra evento acuto e diagnosi di idrocefalo, tra evento acuto e intervento di derivazione e tra intervento e valutazione clinica e radiologica dei risultati, evidenziando come spesso la gestione di questi pazienti è affidata alla scelta autoreferenziale del singolo neurochirurgo piuttosto che basata su percorsi condivisi.
Risultati. L’osservazione degli indicatori di esito utilizzati (condizione clinica, punteggio FIM e valutazione TAC) evidenzia una netta spaccatura tra pazienti con idrocefalo dovuto ad emorragia cerebrale spontanea e pazienti con idrocefalo causato da emorragia di origine post-raumatica. Ciò porta a ritenere che la popolazione dei pazienti con idrocefalo postemorragico
non sia omogenea: l’alterazione della circolazione liquorale può infatti essere isolata oppure associata a lesioni cerebrali primarie o secondarie pre-esistenti. Tale distinzione va tenuta presente in sede di valutazione degli outcomes post intervento di derivazione.
Conclusioni. Ritenendo che sia indispensabile definire un percorso diagnostico, terapeutico e di valutazione clinica e radiologica condivisibile tra riabilitatori, neurochirurghi e famigliari proponiamo un algoritmo decisionale per la gestione dell’idrocefalo post-emorragico.

top of page