Home > Journals > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Past Issues > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 June;24(3) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 June;24(3):31-5

CURRENT ISSUE
 

ARTICLE TOOLS

Reprints

MR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

SIMFER Journal for Professional Training, Information and Updating

 

ARTICOLI ORIGINALI  FREEfree


MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2010 June;24(3):31-5

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

language: Italian

Limiti di demarcazione fra stato vegetativo, minimamente conscio e stato cosciente

Muratori A., Lombardi F., Brianti R., Vezzosi G.

Riabilitazione Intensiva Neurologica, Ospedale di Correggio, AUSL Reggio Emilia, Italia


FULL TEXT  


Questo studio mette a confronto l’affidabilità di
diagnosi dello stato di coscienza da parte di
scale pubblicate (DRS and CRS-R) se comparate
con la capacità di rispondere in modo consistente
all’ordine verbale semplice. La consistenza
e l’accuratezza di risposta sono state valutate
mediante il disegno sperimentale su singolo
soggetto proposto in letteratura da Whyte.
Sono stati reclutati per lo studio sedici pazienti
ammessi consecutivamente nella Riabilitazione
Intensiva Neurologica dell’Ospedale di Correggio
che presentavano alterazione dello
stato di coscienza. Ciascuno di essi è stato
valutato settimanalmente, per un massimo di
15 valutazioni, al fine di registrare longitudinalmente
le variazioni dello stato di coscienza.
Gli strumenti utilizzati per la valutazione sono
stati la DRS, la CRS-R e un terzo algoritmo diagnostico
(3°A) basato sulla valutazione clinica
e sulla misurazione di consistenza ed accuratezza
di risposta secondo il metodo proposto
da Whyte. I risultati mostrano che la DRS e la
CRS-R sono in disaccordo diagnostico con 3°A
ma in ambiti differenti. In particolare la DRS è
risultata insufficiente nel confermare la diagnosi
di Stato Minimamente Conscio (MCS), mentre
la CRS-R è risultata insufficiente nel confermare
il raggiungimento dello stato di coscienza (CS).
I nostri risultati mostrano discordanze di diagnosi,
e sembra che i criteri della CRS-R producano
un innalzamento del limite di demarcazione
tra MCS e CS. Sembra che i criteri Aspen,
dopo aver risolto il problema esistente nel limite
di demarcazione tra VS e MCS, abbiano generato
un problema di misdiagnosi analogo nel
limite tra MCS e CS.

top of page

Publication History

Cite this article as

Corresponding author e-mail