Advanced Search

Home > Journals > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Past Issues > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2008 December;22(4) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2008 December;22(4):313-9

ISSUES AND ARTICLES   MOST READ

CURRENT ISSUEMR GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA RIABILITATIVA

SIMFER Journal for Professional Training, Information and Updating

Frequency: Quarterly

ISSN 1827-1995

Online ISSN 1827-1871

 

MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2008 December;22(4):313-9

UTILIZZO DELL’ICF DALLA RIABILITAZIONE AL REINSERIMENTO NELLA CEREBROLESIONE 

    REVIEW

Modello di definizione dei programmi riabilitativi: presentazione di casi

Cantagallo A. 1, Frare M. 2, Peruch F. 2, Verticilo L. 2

1 Unità Operativa di Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara Ferrara, Italia
2 IRCCS E. Medea, Associazione La Nostra Famiglia Pieve di Soligo, Treviso, Italia

Il presente studio descrive un’applicazione di ICF in ambito clinico con un campione di 28 pazienti cerebrolesi attraverso l’introduzione nella prassi riabilitativa di una scheda programmi compilata dai vari membri dell’equipe con i codici ICF, gli obiettivi e le metodologie riabilitative. Gli obiettivi del presente studio sono di verificare: 1) quali aree riabilitative sono più centrali nel progetto riabilitativo; 2) quali codici ICF sono scelti in modo più frequente; 3) qual è il livello di gravità descritto dai qualificatori, distinguendo tra aspetti positivi e negativi del funzionamento. I risultati emersi suggeriscono che le aree riabilitative maggiormente centrali per la definizione del progetto riabilitativo sono le funzioni neuro-motorie e cognitive. I codici ICF scelti più di frequente si distribuiscono in modo prevalente nelle Funzioni corporee e in Attività e partecipazione, mentre sono poco rappresentati i codici di Fattori ambientali e Strutture corporee, che andranno pertanto integrati in studi successivi. Tra i codici più scelti, spiccano le funzioni legate all’attenzione e alla memoria, in linea anche con lo studio di Koskinen et al. (2007) e le varie attività legate alla cura di sé, come lavarsi, vestirsi, mangiare, in modo più discordante dall’altro studio dove emergono maggiormente il lavoro retribuito e la conversazione. Infine, colpisce come nelle funzioni corporee la gravità sia peggiore che nella componente di Attività e Partecipazione e questo risultato è incoraggiante, in quanto si evince che nonostante la disabilità documentata dalla compromissione delle funzioni, le persone riescono comunque a svolgere con poca difficoltà le varie attività di vita quotidiana e a partecipare alla vita sociale.

language: Italian


FULL TEXT  REPRINTS

top of page