Home > Journals > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Past Issues > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 June;55(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 June;55(2):173-206

CURRENT ISSUE
 

ARTICLE TOOLS

Reprints

MINERVA GASTROENTEROLOGICA E DIETOLOGICA

A Journal on Gastroenterology, Nutrition and Dietetics


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEWS  


Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2009 June;55(2):173-206

language: English

Management of autoimmune liver disease

Maggs J., Cullen S.

La gestione della malattia epatica autoimmunitaria può essere molto impegnativa. La presentazione e il decorso naturale di questi disordini sono altamente variabili e possono essere di natura asintomatica, acuta o cronica. La diagnosi necessita di una competente interpretazione dei marker sierologici e delle alterazioni istologiche e, spesso, della tomografia del tratto biliare. Sebbene continuino ad essere sviluppati e sperimentati trattamenti alternativi, le principali opzioni di trattamento dell’AIH consistono nella terapia immunosoppressiva (steroidi e azatioprina) e nell’utilizzo dell’acido ursodeoxicolico in condizioni di colestasi. Le complicaze di queste patologie, in particolare il carcinoma epatocellulare e, nel caso della PSC, il colangiocarginoma, continuano ad essere difficili da controllare o prevenire. Il trapianto di fegato rimane l’unica scelta terapeutica per lo stadio finale della malattia. La determinazione del periodo migliore durante il quale sottoporre il paziente a questo tipo di operazione necessita di una sofisticata valutazione dei rischi e dei benefici concernente ogni singolare paziente.


PDF  


top of page

Publication History

Cite this article as

Corresponding author e-mail